back to top
16.6 C
Roma
venerdì, 14 Giugno 2024

RDC Congo: il presidente Tshisekedi verso la conferma per secondo mandato. Candidati di opposizione contestano le elezioni, la polizia disperde la protesta

La tornata elettorale tra luci e ombre di tipo organizzativo nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), appare destinata ad assegnare un secondo mandato al presidente uscente, Felix Tshisekedi. I primi dati segnalano un consenso molto largo per il sessantenne erede dell’ex uomo forte di Kinshasa, Joseph Kabila. I candidati di opposizione però contestano l’andamento del voto del 20 dicembre e ne chiedono la ripetizione. La polizia congolese ha disperso la protesta convocata e vietata nella capitale, ma per i prossimi giorni sono annunciate nuove manifestazioni.

Pasticcio

L’arcivescovo cattolico di Kinshasa, cardinale Fridolin Ambongo, in occasione della messa di Natale ha descritto le elezioni come un “gigantesco pasticcio”. Le controversie sulle elezioni presidenziali e legislative minacciano di destabilizzare la situazione in RDC Repubblica Democratica, già alle prese con la guerriglia nelle aree orientali del Paese dell’Africa centrale, che possiede immense risorse naturali specie in campo minerario. La polizia in assetto antisommossa ha circondato il quartier generale di uno degli sfidanti di Tshisekedi, Martin Fayulu, e ha fatto uso di gas lacrimogeni.

Dati parziali

“Gli inganni, le frodi e le menzogne non passeranno”, ha affermato su X un altro candidato alle presidenziali, Moise Katumbi, che ha denunciato la mano pesante delle forze dell’ordine. Secondo i dati parziali sullo scrutinio diffusi dalla Commissione elettorale nazionale, Tshisekedi è nettamente davanti ai suoi 18 sfidanti, con quasi il 79% delle preferenze. Katumbi, magnate del calcio e del settore minerario, segue con circa il 16%. L’ex governatore della ricca regione del Katanga è figlio di madre congolese e di Nissim Soriano, sopravvissuto alla Shoah e originario di Rodi ai tempi parte del Dodecaneso possedimento italiano. Al terzo posto con il 4% circa si colloca Fayulu, che aveva già rivendicato di essere stato privato della vittoria nelle elezioni del 2018, che diedero il primo mandato a Tshisekedi.

Attanasio

Le operazioni di voto hanno registrato problemi soprattutto nell’est della RDC, dove operano decine di gruppi armati, tra cui i ribelli del gruppo M23, che sarebbe sostenuto dal confinante Ruanda. Proprio nell’area del Nord Kivu, nei pressi del capoluogo Goma vennero uccisi il 22 febbraio 2021 da elementi armati l’ambasciatore d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), Luca Attanasio, il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci e l’autista Mustapha Milambo.

Alessandro Cavaglià
Alessandro Cavaglià
Giornalista parlamentare, classe 1956. Già vice caporedattore AGI, responsabile pro tempore delle redazioni Politico-parlamentare, Interni-Cronaca e della Rete speciale per Medio Oriente e Africa. Ha lavorato ad AdnKronos e collaborato con La Stampa e Il Mondo. Laureato in Lettere-Storia moderna all'Università La Sapienza di Roma

Altro dall'autore

Articoli più letti