Veto Rai su Rula a Sanremo e scoppia la bagarre

. Cultura

No della Rai a Rula Jebreal a Sanremo. A un mese dall'avvio, la settantesima edizione della kermesse nazionalpopolare per eccellenza è già nell'occhio del ciclone. La Repubblica ha rivelato che i vertici della tv di Stato hanno chiesto al direttore artistico e conduttore Amadeus di ritirare l'invito alla 46enne giornalista palestinese naturalizzata italiana. Hater La notizia secondo cui Jebreal sarebbe stata una delle dieci donne a fianco del presentatore sul palco dell' Ariston era stata anticipata da Dagospia e subito gli hater si erano scatenati: "È un insulto agli italiani", il commento meno violento. E così i vertici di viale Mazzini, nominati dal passato governo gialloverde, hanno tagliato la testa al toro, nel timore che a Sanremo si parlasse più di attualità e di politica che non delle canzoni. Colpa della Jebreal secondo gli odiatori professionali da social le sue dichiarazioni contro la deriva xenofoba di parte del paese. Soldi Sintetizza questa posizione il tweet di Daniela Santanchè di Fratelli d'Italia che non vuole Rula ospite a Sanremo "con i soldi degli italiani. Gli stessi italiani accusati dalla signora di essere fascisti, razzisti, impresentabili...". Ma la censura sovranista ha fatto scattare l'indignazione con l'hashtag "#iostoconRula". Il ministro 5stelle per lo Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ha scritto sui social: "Siamo in un paradosso: non si vuole trasformare in tribuna politica il Festival di Sanremo, ma si opera una scelta di esclusione politica preventiva, detta anche censura". Discriminazione Gli fa eco il capogruppo di Italia Viva al Senato, Davide Faraone: "Dieci donne a Sanremo 2020, ma non Rula Jebreal. Nessuno spazio a una nuova italiana di successo, nella narrazione sovranista stona e anche parecchio. La Rai si piega al diktat di Salvini. Credo sia semplicemente vergognoso. Ho deciso di portare il caso in Vigilanza Rai e intanto denuncio pubblicamente un'autentica discriminazione di Stato. Non possiamo stare zitti". Già l'anno scorso non erano mancate le polemiche, proprio a partire da un post di Salvini, dopo il successo di Mahmood, il cantautore italiano di padre egiziano, con il brano "Soldi" con cui si è anche classificato secondo all'Eurovision Song Contest 2019. Mahmood Ora il capo della Lega, che poi aveva cambiato idea su Mahmood, sceglie di tenere basso il profilo e a margine dell'ennesimo comizio elettorale, questa volta a Faenza, dice: "Ma con tutti i problemi che ho, mi posso occupare di Sanremo e delle conduttrici di Sanremo? Invitino chi vogliono, è l'ultima delle mie preoccupazioni onestamente".
AGGIORNAMENTI:
Marcia indietro Alla fine, dopo le polemiche, la Rai ha fatto marcia indietro: Rula Jebreal sarà al Festival di Sanremo. Dopo un vertice tra l'ad Fabrizio Salini, la direttrice di Raiuno Teresa De Santis e il conduttore Amadeus è stata presa la decisione definitiva: la giornalista interverrà dal palco dell'Ariston sulla violenza contro le donne. Resta soltanto da stabilire in quale delle serate del Festival.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi