Navigator, la difficile rotta verso il sogno di un lavoro

. Economia

È scattata la corsa al lavoro per i 'navigator', i consulenti a tempo che nei prossimi mesi dovranno cercare il 'posto' a quanti hanno scelto la via al momento più comoda del reddito di cittadinanza 'made' in 5 Stelle. I partecipanti ammessi al concorsone erano oltre 50mila, ma un po' a sorpresa la prima giornata ha fatto registrare una partecipazione ridotta, di poco più di un terzo degli aventi diritto. Sono in ogni caso ancora in tanti per i 3 mila posti in palio. Sono giunti a Roma da tutta Italia per rispondere in 100 minuti ai 100 quesiti del mega quizzone, che spaziano dal diritto del lavoro al marketing, dall'informatica all'inglese e alla cultura generale. Il punteggio minimo da raggiungere per superare la prova è di 60 risposte esatte. La maggior parte dei concorrenti è donna (il 73%), per la metà hanno tra i 30 e i 40 anni, prevalgono le lauree in giurisprudenza, psicologia e scienze economico-aziendali. In maggioranza provengono dalle regioni del Sud, dove c'è il maggior fabbisogno di navigator. In testa la Campania con 471 posti, dei quali 274 per la sola provincia di Napoli. Segue la Sicilia con 429 posti, 125 a Palermo e 100 a Catania. Al Nord in evidenza la Lombardia con 329 e al Centro nel Lazio si devono coprire 273 posizioni, delle quali 195 nella provincia di Roma. Il navigator, spiegano all'Anpal - l'Agenzia pubblica per le politiche attive del lavoro - sarà la figura centrale dell'assistenza fornita nei Centri per l'impiego. Chi supererà il concorso avrà un incarico di collaborazione fino al 30 aprile 2021 e un compenso lordo annuo pari a 27.338,76 euro, oltre a 300 euro lordi mensili a titolo di rimborso forfettario delle spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute per l'espletamento dell'incarico. Le aspettative sono tante, ma come sempre accade in Italia si segnalano le prime complicazioni, da un lato sono già partiti i primi ricorsi dea parte degli aspiranti navigator esclusi in via preliminare per il basso voto di laurea, mentre dall'altro lato si annuncia il paradosso per cui i 3 mila navigator neoassunti dovranno essere formati con un corso intensivo di 7-10 giorni da altri collaboratori più anziani già presenti in Anpal Servizi. Tuttavia anche loro sono dei precari in attesa da anni di una stabilizzazione, che neppure il il Decreto dignità del ministro del Lavoro pentastellato, Luigi Di Maio, ha potuto loro assicurare, mentre per l'Anpal il rischio è quello di una miriade di cause di lavoro.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi