ll New York Times, il morbillo e l'ennesimo scontro Grillo-Renzi

. Politica

Ennesimo scontro Grillo-Renzi - ma sarà questo il leit-motiv di una lunga, lunghissima campagna elettorale... - stavolta sul morbillo, le vaccinazioni e un editoriale del New York Times dal titolo 'Populismo, politica e morbillo' che tratta l'argomento con qualche allarme visto l'aumento dei casi di questa malattia in Europa e segnatamene in Italia, dove sono triplicati rispetto all'anno scorso. L'autorevole quotidiano mette nel mirino non solo Trump ma anche il Movimento 5 Stelle ammonendo sul pericolo che in tempi di post verità possono rappresentare''le bugie, le teorie cospirative e le illusioni diffuse dai social media e dai politici populisti''. "In Italia - scrive il NYT - il movimento populista Cinque stelle (M5s) guidato dal comico Beppe Grillo ha fatto attivamente campagna su una piattaforma anti-vaccini, ripetendo i falsi legami tra vaccinazioni ed autismo. Per questi e altri scettici, la diffusione del morbillo in Italia dovrebbe suonare come un allarme forte''. Immediata la replica di Beppe Grillo che sul blog parla di "balla" sostenuta dal nulla tanto meno da una campagna M5s contro i vaccini che sarebbe del tutto inventata., di "bufala internazionale"e di "cazzate dei giornalisti" "Si prega il direttore del giornale di dire quali sono le fonti su cui si basa questa fake news - Grillo conclude così il suo post - e di chiedere subito scusa per questa bufala internazionale. Bisogna rendere subito obbligatorio un vaccino contro le cazzate dei giornalisti". Altrettanto immediato il commento accusatorio di Matteo Renzi che parla di "figuraccia internazionale" per il M5s e invita Grillo a scusarsi, mentre in rete cominciano a girare video di un comizio di Grillo del 1998 in cui il comico si pronuncia contro vaccinazioni e mammografie e più di qualche grillino si interroga preoccupato sul tema vaccino sì-vaccino no. "Oggi l'Italia è sul New York Times - scrive Renzi su Facebook - per l'aumento dei casi di morbillo. E per il fatto che alcuni partiti come i Cinque Stelle sono volutamente scettici sui vaccini. Una figuraccia internazionale, allucinante. E cosa fa Beppe Grillo stamattina? Attacca il New York Times... Ma come si fa? Basta! Per una volta, Grillo, torna umano: lascia stare i clic e gli algoritmi. Rimangiati le parole che hai detto contro i vaccini e contro le mammografie. Chiedi scusa e tutti noi rispetteremo il tuo passo indietro". La contro-risposta M5s al neo-segretario Pd non si fa attendere ma è affidata a Paola Taverna che, sempre sul blog, scarica su Renzi e sul suo governo il calo delle vaccinazioni registrato in Italia: "Ora, di fronte ai dati impietosi sul calo delle vaccinazioni- scrive la Taverna - Renzi come suo solito butta la palla nel campo avversario e scarica le responsabilità sul MoVimento 5 Stelle pur di non assumersi le sue responsabilità. E lo fa vigliaccamente, andando a pescare video del passato ed estrapolando frasi e dichiarazioni di singoli Quindi, secondo lui, se le vaccinazioni calano è colpa di un Movimento che non è al governo?!". "Quella di Renzi - conclude- è una vergognosa campagna diffamatoria contro il Movimento 5 Stelle, giocata sulla pelle delle famiglie italiane e dei loro figli. E’ a loro, e poi a tutto il MoVimento 5 Stelle, che Renzi dovrebbe chiedere scusa".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi