Alfano non si da' pace, "Ricatto piccoli partiti? I governi li ha fatti cadere Renzi"

. Politica

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/Alfano-Lorenzin.jpg'
There was a problem loading image 'images/articoli/personaggi/Alfano-Lorenzin.jpg'

Non si da' propio pace, non riesce a farsene una ragione. Preso a schiaffi a destra e a manca, il ministro degli Esteri Angelino Alfano, già ministro degli Interni (il tutto ottenuto per avere abbandonato Berlusconi al suo destino ed alla decadenza da senatore) realizza che con la nuova legge elettorale proporzionale con tanto di soglia di sbarramento al 5% alla Camera potrà entrarci solocome ex deputato. Gia per lui, dato dai sondaggi a poco più del 2%, sarebbe stato difficile arrivare a quella del 3%. Ora il 5% rappresenta un ostacolo insormontabile. Ne ha parlato con Renzi, che gli ha toltogni speranza in nome degli interessi del paese, avrebbe voluto riallacciare il filo con Berlusconi. Che pero non ci pensa proprio. Lo considera il peggiore traditore, tra i molti che lo hanno tradito. "Assistiamo divertiti (ij delta non e' che si diverta troppo…) a queste dichiarazioni sul potere di ricatto e di veto dei piccoli partiti (ndr.Si tratta di una spiegazione di Renzi nel motivare la scelta del proporzionale alla tedesca). Incredibile. Fin qui i governi li ha fatti cadere solo il Pd. Peccato fossero i propri. Letta, Renzi ed adesso vedremo se indurrà anche Gentiloni alle dimissioni oppure o sfiducerà. In tutti e tre i casi, il segretario del Pd e' sempre lo stesso". Per Alfano la cuccagna sembra volgere al termine. Certo fare il ministro degli Esteri ed avere un altro importante ministero come quello della Salute per la Lorenzin, con lo 0 virgola di voti piacerebbe a tutti. Ad Alfano non resta che agitarsi. ma ormai l'ex delfino di Berlusconi e' finito nelle reti del suo vecchio mentore, che guarda con compiacimento il suo agitarsi che serve solo a farlo impigliare sempre di più.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi