"Congiura dem", i big per ribaltone anti Renzi. Rischio "urne funerarie"

. Politica

Senza idee né leadership si rischia molto. Con idee superate e una leadership inadeguata ancora di più. Nel Pd ora la moda è quella di imputare tutto a Matteo Renzi, che pur nell'ultima fase si era sfilato, per lasciare ad altri la conduzione delle danze. Ma ancora il leit motiv è sempre lo stesso, in vecchio stile comunista, "Hai perso le elezioni? Te ne devi andare. Punto". Come nella migliore delle tradizioni della sinistra, il "benservito" è pronto per il suo ex leader. Magari con tanto di ringraziamenti e di riconoscimento di importante riserva per le istituzioni. Da usare con cura al momento opportuno. Insomma la "congiura" anti Renzi sta prendendo forma. Come? Gentiloni, Veltroni, Franceschini, Fassino. che stavano in maggioranza stanno abbandonando Matteo, assieme ad Orlando della minoranza. E chiedono a gran voce il congresso subito. Con la "benedizione" dei grandi vecchi, come Prodi ed anche degli scissionisti, che non vedono l'ora di rientrare dopo la figuraccia elettorale.  Come futuro segretario sembrano volere puntare su Zingaretti, che perlomeno nel Lazio non ha perso. E Zinga si prepara al grande salto: "Ai rubli preferisco l'euro". Ancora: "L'Europa deve cambiare, non deve saltare. Se cambia siamo salvi, se salta siamo morti. Brinderebbero le grandi potenze economiche, diventeremmo un paese suddito". Quindi, alla prossima Assemblea nazionale del 7 luglio, sarà battaglia. Sempre che non venga, come da tempo succede, rimandato lo scontro finale. L'ordine dei congiurati è "archiviare anche la segreteria Martina a favore della convocazione di un congresso straordinario". Il problema di fondo è capire se i "congiurati", al di là delle personali convinzioni politiche, vedano giusto a meno. Se abbiano capito o meno, le ragioni di un declino che appare inarrestabile. E' davvero Renzi la causa di tutti i mali? Sono ancora valide le idee dei vecchi comunisti, su migranti, tasse, patrimoniali, lotta ai ricchi? Oppure la piramide si è rovesciata, e molti cominciano a pensare che senza i ricchi ci sono meno soldi anche per i poveri, che diventano sempre più poveri, mentre i ricchi rimangono ricchi. E che i migranti, nel possibile, vanno lasciati a casa loro, a parte quelli che si possono integrare. La scommessa per la sinistra ex comunista è grossa. Liberarsi di Renzi? E se poi le prossime elezioni, con si tanto rinnovamento, finissero per il Pd in urne funerarie? Allora sì che sarebbe difficile rialzarsi. Ora il tempo ancora c'è. Ma come si dice sbagliare è umano, perseverare diabolico...

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi