Spread in sensibile calo e PiazzaAffari guadagna 1,4%

. Politica

Quello che pochi si aspettavano, erano stati i soli Di Maio e Salvini a prevederlo, si e' verificato. Nonostante la bocciatura della Ue con relativo procedimento d'infrazione avviato, lo spread ha subito un sensibile calo, di ben 15 punti, chiudendo a quota 311, con il rendimento del titolo decennale appena sotto il 3,5%. Le borse europee e Wall Street in recupero, dopo la seduta negativa di ieri. e Piazza Affari rimbalza chiudendo con un più 1,4%. Si conferma invece il flop pe'r il Bpt Italia, con la domanda sotto il miliardo. Domani toccherà pero' agli investitori istituzionali. La Consob ha frenato sull'idea di vietare le vendite allo scoperto (cioè vendere tutoli ad una certa data senza averli nel portafoglio con l'intento di scommettere su una loro discesa) ventilata ieri dal sottosegretario legista Giorgetti "Non e' alla nostra attenzione". La meraviglia pero' non ha preso di contropiede molti economisti. Secondo alcuni di loro il motivo del raffreddamento dello spread va ricercato nel fatto che la decisione della Ue non dovrebbe avere un impatto così devastante nel breve periodo, in quanto la macchina burocratica europea potrebbe concedere tempo al governo italiano per negoziare con Bruxelles e comunque per le sanzioni occorrono mesi.  A meno che qualcuno, magari oltreoceano, non cominci a vedere positivamente questa frattura. Destinata in ogni modo ad aprire nuovi scenari. E come si sa l'economia dipende da innumerevoli fattori, che possono portare a svariate variabili.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi