Salvini sfiducia Conte. Voto a Ottobre? Botte da orbi tra ex-alleati. Spread a 240

. Politica

La Lega vuole accorciare i tempi per andare subito al voto. Salvini ha saltato il Rubicone e oggi in Senato il Carroccio ha depositato una mozione di sfiducia nei confronti del premier Conte che ha 'resistito' alle pressioni del capo della Lega (che voleva le sue dimissioni) chiedendo anzi al suo vicepremier di spiegare in Parlamento i motivi per cui l'esperienza del governo gialloverde doveva considerarsi conclusa dopo soltanto un anno e mezzo di vita. Un contrattacco in piena regola che però non sembra lasciare scampo al presidente del Consiglio destinato a lasciare palazzo Chigi con solo una vaghissima speranza di essere chiamato da Mattarella a gestire le elezioni anticipate. Per come si sono messe le cose e per lo scambio di accuse intercorso tra premier e vicepremier leghista - che si candida a sostituirlo - non sarà questo il prossimo scenario. La Lega preme sull'acceleratore e chiede che la sua mozione venga messa subito in calendario. Il presidente del Senato Elisabetta Casellati ha convocato la conferenza dei capigruppo di palazzo Madama per lunedi alle 16. Probabile che la mozione venga discussa e votata la prossima settimana a testimonianza di una parlamentarizzazione della crisi come era negli auspici di Conte. Tempi corti, cortissimi chiede il Carroccio studiando il calendario che suggerisce comunque non prima della metà di Ottobre la data per il voto anticipato, se questa sarà la soluzione scelta da Mattarella. Tempi un pò più lunghi sollecitati invece dai Cinquestelle che vorrebbero prima del voto l'approvazione della legge costituzionale che taglia il numero dei parlamentari ("Un modo per perdere tempo" ha commentato Salvini). Intanto gli ormai ex-alleati del governo gialloverde - mentre lo spread balza in avanti a 240 punti e Piazza Affari va giù affondata da bancari ed energetici) se le dicono e se le danno di santa ragione a conferma che la campagna elettorale è già cominciata. Salvini, da Termoli, attacca tanto il M5s quanto il Pd: "Sento toni simili tra Pd e Di Maio, sarebbe incredibile che ci fosse un governo così. Conte mi ha sempre detto: 'Mai un altro governo'". La replica dei pentastellati è sferzante: "Caro salvini, stai vaneggiando, inventatene un'altra per giustificare quello che hai fatto, giullare! Questa storia di Di Maio-Renzi è una fake news di Salvini per nascondere il tradimento del contratto di governo e del Paese”. E Renzi ci mette il carico: "Capitan Fracassa farnetica. E dalla spiaggia chiede: Italiani, datemi pieni poteri. L’ultimo a chiederli fu Badoglio! Salvini, per favore: meno mojiti, più camomille".



08:07 - 9 ago 2019

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi