Una crisi dagli sbocchi imprevedibili. In attesa di Conte bordate tra M5s e Lega

. Politica

Una crisi dagli sbocchi davvero imprevedibili questa 'agostana' scatenata da Salvini che però non ha ancora ritirato nè la mozione di sfiducia a Conte nè la sua delegazione al governo. E' ancora tutto aperto ma domani alle 15 in Senato si farà un pò di chiarezza con le comunicazioni del presidente del Consiglio che poi potrebbe recarsi al Quirinale a rassegnare le dimissioni - se questa sarà la sua decisione - anche senza attendere il voto su una risoluzione. Il pallino così passerebbe al capo dello Stato: brevi consultazioni per verificare se esiste una maggioranza alternativa (ma solida, perchè solo i numeri non bastano) a quella Lega-M5s che è in via di rapido e improvviso disfacimento, tra bordate reciproche tra i partiti dell'ormai ex maggioranza. E poi o il via al tentativo di cui si parla per un governo 'giallorosso' tra Pd e M5s o lo scioglimento delle Camere ed elezioni anticipate ad ottobre-novembre. Questo lo schema teorico che però potrebbe saltare viste le 'sorprese' che la scena politica ha finora riservato agli italiani prevalentemente in vacanza. Oggi lunga riunione di Di Maio con i suoi parlamentari dopo il vertice convocato ieri da Grillo nella sua villa a Marina di Bibbona nel corso del quale i capi grillini hanno chiuso la porta ad un Salvini "inaffidabile" e avallato i tentativi per un governo con il Pd. Ma il capo politico dei Cinquestelle alla vigilia delle comunicazioni di Conte - al quale è stata ribadita la fiducia - è rimasto ancora abbottonato sugli sviluppi e dopo aver definito "una bufala" messa in giro dalla Lega quella di un governo con Renzi e la Boschi ha affermato: "Ho visto che alcuni stanno già facendo proposte a mezzo stampa su aperture ad altre forze politiche ma secondo me è profondamente sbagliato. Noi dobbiamo affidarci al Presidente della Repubblica e al percorso istituzionale che vorrà delineare". "La Lega - ha aggiunto - ha ancora depositata la mozione di sfiducia al Governo e Salvini ha aumentato il livello di attacco nei nostri confronti, ha bisogno di parlare di noi per fare notizia, è disperato. Spero che nella Lega si apra un dibattito sul disastro che ha compiuto in pochi giorni e in totale autonomia Salvini". La replica del 'disperato' è stata tagliente: "Chiunque abbia timore del voto ha solo paura di perdere la poltrona. Hanno scelto Renzi? Auguri. Lo spieghino alle vittime di Bibbiano e ai truffati di Banca Etruria" così Salvini su Facebook. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




   

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi