Thanksgiving, Trump grazia i tacchini e Biden cerca di frenare gli americani

0

Biden parlerà alla nazione e cercherà di far rimanere gli americani a casa per scongiurare nuovi pericolosi focolai da Covid-19. Ma già in tanti sono in movimento per festeggiare

Dopo che anche quest’anno si è consumata la cerimonia alla Casa Bianca in cui i due tacchini – Corn e Cob – sono stati graziati dal presidente Trump, gli esperti incrociano le dita sperando che Thanksgiving non faccia strage di persone invece che di volatili a causa del Covid-19. Milioni di americani si stanno spostando per la festa che riunisce una volta l’anno le famiglie americane. Giovedì 26 novembre è il Giorno del Ringraziamento e l’America è divisa in due: c’è chi sta in fila in aeroporto o in auto per raggiungere i propri cari e chi sta in coda presso i banchi alimentari tenuti dai volontari, che stanno sfamando milioni di persone in strada.

Iowa

Mais e Pannocchia (Corn e Cob) vengono dall’Iowa e sono i due vincitori fortunati della lotteria dei tacchini del Giorno del Ringraziamento. Hanno partecipato alla National Thanksgiving Turkey Presentation, la cerimonia della grazia presidenziale, l’ultima per il presidente uscente Donald Trump. Sono nati a luglio scorso e vengono da una delle tante fattorie del settimo Stato USA per produzione di tacchini – con 130 allevatori – e il quinto per la loro lavorazione. Non si sa dove finiranno i due fortunati volatili, ma si dice che saranno trasportati in un posto sicuro dove trascorreranno il resto della loro esistenza. Intanto hanno trascorso in un hotel a 5 stelle prima della cerimonia della grazia. Il Paese aspetta il discorso di Biden alla vigilia della festa, nel quale il neo eletto presidente parlerà per assicurare il popolo americano che uniti si riuscirà ad attraversare questa grande crisi pandemica.

Discorso

Il Thanksgiving quest’anno arriva in uno dei momenti di maggior aumento dei numeri del contagio. I morti in totale per Covid-19 sono arrivati alle 260mila unità, mentre nuove norme restrittive a livello sanitario sono finalmente state messe in atto per controllare l’espandersi del virus. I Centri di Prevenzione e Controllo delle Malattie hanno raccomandato fortemente di non mettersi in viaggio. Lo stesso Anthony Fauci ci ha messo la faccia, chiedendo un altro sacrifico ai suoi connazionali: rimanere nelle proprie abitazioni per la festività che negli Stati Uniti è più sentita del Natale. I dati sugli spostamenti negli aeroporti sono più bassi almeno del 40% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Ma, dicono gli esperti, non sono sufficientemente bassi, per scongiurare nuovi pericolosi focolai. Il primo discorso di Biden si dovrà confrontare proprio con la pandemia e vedremo se gli americani saranno disposti ad ascoltare l’appello e se il democratico Joe saprà essere convincente, dimostrando subito di essere il presidente di tutti gli americani.

Exit mobile version