Biden in Polonia cita Wojtyla, “Non abbiate paura” e attacca Putin “Non può restare al potere”. Mosca “Non decide lui”

0
Biden
(foto it.wikipedia.org)

“Un dittatore e un macellaio, un tiranno che non può restare al potere”.

Dire che Joe Biden ha usato toni e parole da guerra fredda per descrivere in questi termini Vladimir Putin è un eufemismo.

Nemmeno durante quel periodo di gravi tensioni successivo alla fine della Seconda guerra mondiale il confronto Mosca-Washington aveva raggiunto il livello di durezza scatenato da un mese a questa parte dalla guerra in Ucraina. Oggi in particolare è stato il presidente americano Joe Biden, durante la sua visita in Polonia, ad attaccare senza peli sulla lingua il presidente russo. tanto da provocare l’immediata reazione del Cremlino che ha parlato di “insulti” che inaspriscono le relazioni tra i due paesi.

“I nuovi insulti di Biden a Putin restringono ulteriormente la finestra di opportunità per ricucire i rapporti tra Russia e Stati Uniti” ha detto il portavoce di Putin, Dmitry Peskov. “Strano sentire accuse contro Putin da Biden che ha invitato a bombardare la Jugoslavia e uccidere le persone” ha aggiunto. Quanto a quel “non può restare al potere” Peskov ha replicato così: “Non è qualcosa che decide Biden. E’ solo una scelta dei cittadini della Federazione Russa”. Nè è bastato per calmare le acque una successiva precisazione della Casa Bianca secondo cui il presidente americano non intendeva auspicare un cambio di regime a Mosca…

Nei suoi discorsi a Varsavia Biden ha accusato la Russia di aver “strangolato la democrazia” e di aver portato avanti azioni che minacciano di provocare “decenni di guerra”. Al popolo ucraino il capo della Casa Bianca ha mandato un messaggio chiaro: “Noi siamo con voi”. Le sanzioni economiche alla Russia, ha aggiunto Biden, hanno ridotto il “rublo in macerie”, giocando sulle parole ‘ruble’, rublo, e ‘rubble’, macerie. E ancora: “Sono qui per difendere gli alleati europei. L’Occidente è più forte e più unito che mai. Non c’è dubbio che questa guerra è già un fallimento strategico per la Russia”. Quanto ai tempi, non saranno brevi: “Dobbiamo prepararci a una lunga battaglia”, ha pronosticato Joe Biden, che poi si è rivolto al popolo russo con queste parole: “Voi non siete il nostro nemico”.

A Varsavia e rivolto al popolo polacco il capo della Casa Banca ha citato Giovanni Paolo II e quel suo “Non abbiate paura”, pronunciato durante il discorso d’insediamento del papa polacco nel 1978. “Parole che cambiarono il mondo” ha affermato il presidente Usa al Castello Reale di Varsavia, un luogo simbolo. Il Castello infatti fu distrutto dai nazisti nel 1944 e solo negli ultimi anni è stato interamente ricostruito.  

Exit mobile version