Gaza, l’Onu chiede il cessate il fuoco immediato. E Washington si astiene, è la prima volta. Netanyahu furioso

0

C’è sempre una prima volta e nella guerra a Gaza va registrata una ‘prima volta’ di fondamentale importanza: dopo mesi di stallo il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che chiede il cessate il fuoco “immediato” legandolo al rilascio degli ostaggi israeliani in mano ad Hamas. Nel documento, che ha ottenuto 14 voti a favore e l’astensione degli Usa – che non hanno quindi posto il veto – si “chiede un cessate il fuoco immediato per il Ramadan rispettato da tutte le parti che conduca ad un cessate il fuoco durevole e sostenibile e il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi, nonché la garanzia dell’accesso umanitario per far fronte alle esigenze mediche e umanitarie della popolazione civile”. Furiosa la reazione del premier israeliano Netanyahu che nell’astensione degli Stati Uniti vede un cambio nella posizione di Washington e nel documento approvato all’Onu un ‘aiuto’ ad Hamas. Per questi motivi Netanyahu ha annullato la visita della delegazione israeliana negli Usa, anche se la Casa Bianca ha negato cambi di politica sostenendo di aver sempre legato la richiesta di un cessate il fuoco al rilascio contestuale degli ostaggi.

Exit mobile version