Putin rassicura Draghi, il gas russo non vi mancherà

0
Putin
(foto en.kremlin.ru)

“Il gas russo non vi mancherà”. L’assicurazione l’ha fornita direttamente Vladimir Putin al premier Mario Draghi nel corso di una telefonata che ha collegato stamattina il Cremlino e palazzo Chigi.

Al centro della conversazione naturalmente la crisi Ucraina e gli sforzi della comunità internazionale per una de-escalation dello scontro tra Mosca e Washington, con l’Europa e la Nato a fianco degli Usa nella minaccia di sanzioni alla Russia in caso di aggressione a Kiev. Una de-escalation delle tensioni la cui importanza è stata sottolineata da Draghi al presidente russo “alla luce delle gravi conseguenze che avrebbe un inasprimento della crisi”. Nel corso della conversazione sono stati concordati “un impegno comune per una soluzione sostenibile e durevole della crisi e l’esigenza di ricostruire un clima di fiducia”.

Proprio per contribuire alla ricostruzione di un clima di fiducia che allontani i venti di guerra, Putin – afferma il Cremlino, citato dalla Tass – ha confermato l’intenzione di Mosca di “continuare a sostenere stabili forniture di gas all’Italia”.

Per Putin comunque è Washington e non Mosca a generare tensioni sull’Ucraina. Oggi l’atteso colloquio telefonico tra il ministro degli Esteri russo Lavrov e il segretario di stato Usa Blinken, dopo la riunione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu in cui l’ambasciatore russo ha rinviato al mittente le accuse degli occidentali a Mosca (“Non so di cosa stiamo parlando”) e annunciato che il suo paese non si tirerà indietro di fronte alle minacce di sanzioni americane sulla crisi Ucraina.

Exit mobile version