Messico: per gli exit poll la progressista Claudia Sheinbaum sarà la prima donna presidente

0
Messico
(foto account FB Claudia Sheinbaum)

Claudia Sheinbaum è destinata a diventare la prima donna presidente del Messico con una vittoria storica. Lo indicano gli exit poll, che assegnano alla 61enne ex sindaca di Città del Messico il 58% dei voti, dopo le elezioni di domenica. Sconfitta la principale contendente, l’imprenditrice Xochitl Galvez, ferma al 29%.

Narcotrafficanti

Se il risultato verrà, come sembra, confermato dallo scrutinio, dal 1° ottobre la Sheinbaum subentrerà al suo mentore, il presidente uscente Andres Manuel Lopez Obrador. Il voto si è svolto con imponenti misure di sicurezza, dopo le violenze in campagna elettorale con numerosi omicidi politici e la minaccia continua da parte del ‘contro potere’ dei narcotrafficanti in lotta tra loro. Sheinbaum ha promesso di portare avanti il programma politico populista-progressita del partito Morena del carismatico presidente uscente Lopez Obrador, a cui la Costituzione impedisce di candidarsi per un altro mandato.

Morena

La rivale Galvez, ex senatrice e imprenditore tecnologico, rappresenta una coalizione di partiti di opposizione conservatori, che aveva promesso di cambiare rotta rispetto alla politica “non di proiettili”, ma di ricerca di appeasement nei confronti dei cartelli della droga portata avanti da Lopez Obrador. Sheinbaum ha affermato che continuerà a basarsi sui “progressi” ottenuti dal suo predecessore. La linea di Morena prevede misure per alleviare la povertà, che negli ultimi sei anni hanno contribuito a far uscire dal bisogno milioni di messicani.

Striscioni

I sostenitori della probabile neo-presidente hanno iniziato ad arrivare allo Zocalo, la piazza principale di Città del Messico, con striscioni con la scritta “Claudia Sheinbaum presidente” per celebrare la sua prevista vittoria. Oltre al nuovo presidente, i messicani hanno eletto anche tutti i membri del Congresso e i governatori di otto Stati.




Exit mobile version