Mattarella respinge dimissioni Draghi e lo rinvia alle Camere. Mercoledi la seduta

0
(Foto di Paolo Giandotti - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Mattarella ci ha messo pochi minuti per respinge le dimissioni di Draghi e decidere di rinviarlo alle Camere. Mercoledì la seduta.

PAROLE DRAGHI IN CDM MOLTO DURE E PARE RISOLUTE. Quanto detto da Draghi in Consiglio dei ministri per annunciare le sue dimissioni sono molto chiare. Una ricomposizione appare difficile, anche se non impossibile. Draghi anche precedentemente ha sempre dichiarato di non essere disponibile, ne’ per un altra maggioranza ne’ per un Draghi bis.

PD VORREBBE CONTINUARE CON LA MELONI CHE SPINGE PER ELEZIONI. PRUDENTE BERLUSCONI, LEGA ANCORA INCERTA MA PIU’ PER IL VOTO. Gli altri partiti di maggioranza che dovrebbero eventualmente ribadire il proprio appoggio per una prosecuzione di Draghi, appaiono divisi. Solo Letta e’ deciso per continuare, anche se a certe condizioni. Non vuole un progressivo logoramento del governo che sarebbe dannoso per il paese. Insomma se non ci saranno le condizioni l’unica strada appaiono le elezioni. La Meloni ovviamente e’ quella che, pur dall’opposizione, spinge di più per elezioni. Berlusconi appare prudente ma cosi come la Lega non vuole spaccare il centrodestra. Le prossime ore saranno decisive per le decisioni dei partiti. Sempre che Draghi sia ancora disponibile a continuare.