17.3 C
Roma
venerdì, 9 Dicembre 2022

-1 al voto: seggi aperti solo domenica dalle 7 alle 23. Chiamati alle urne oltre 46 milioni di elettori. Oggi giornata di silenzio

Seggi aperti in tutta Italia (dalle 7 alle 23) soltanto nella giornata di domenica 25 settembre, per il rinnovo della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Oggi giornata di silenzio per la campagna elettorale. Gli elettori chiamati al voto sono 46 milioni 127.514 in Italia, dei quali il 51,74% sono donne e il 48.26% uomini. Gli iscritti nelle liste elettorali all’estero 4 milioni 741.790, per un corpo elettorale complessivo di 50 milioni 869.304. I candidati alla Camera sono 1.310 nei collegi uninominali, 2.788 nei collegi plurinominali e 95 nella circoscrizione Estero. Per il Senato le candidature sono 693 per i collegi uninominali, 1.418 per i collegi plurinominali e 41 per l’estero.

Numero

Dopo la riforma costituzionale del 2020, che ha tagliato il numero dei parlamentari, nella XIX legislatura si avranno eletti in carica 400 deputati (dei quali 8 all’estero) e 200 senatori (dei quali 4 all’estero). Del corpo elettorale fanno parte 2 milioni 682.094 maggiorenni che per la prima volta, dopo la recente modifica dell’art. 58 della Costituzione, potranno votare non solo per la Camera, ma anche per il Senato. La Lombardia con 7 milioni 505.133 elettori è la regione con il maggior numero di aventi diritto al voto. La Valle d’Aosta con 98.187 elettori quella con il minor numero. Il comune di Rocca de’ Giorgi, in provincia di Pavia, con 25 elettori (13 uomini e 12 donne) è la più piccola realtà elettorale del Paese, mentre Roma con 2 milioni 55.382 (di cui 1 milione 96.575 donne e 958.807 uomini) è la maggiore. Le sezioni elettorali aperte per l’esercizio del diritto di voto sono 61.566 su tutto il territorio nazionale.

Tagliando

Gli elettori dovranno presentarsi al seggio muniti di

documento d’identità e della tessera elettorale. Nel caso in cui tutti gli spazi sulla tessera elettorale siano occupati da timbri, è necessario rinnovarla. E’ possibile farlo presso l’ufficio elettorale del comune di residenza, che resterà aperto dalle 9 alle 18 nei giorni 23 e il 24 settembre, dalle 7 alle 23 del 25 settembre. L’accesso nella cabina elettorale è consentito al solo elettore, fatti salvi i casi di voto assistito tassativamente previsti dalla legge. Ogni scheda è dotata di un apposito tagliando rimovibile, dotato di codice progressivo alfanumerico generato in serie, denominato “tagliando antifrode”, che è rimosso e conservato dagli uffici elettorali prima dell’inserimento della scheda nell’urna. Compiuta l’operazione di voto, l’elettore consegna al presidente la scheda chiusa e la matita. II presidente stacca il tagliando antifrode dalla scheda, controlla che il numero progressivo sia lo stesso annotato prima della consegna e, successivamente, pone la scheda senza tagliando nell’urna.

Cellulare

Il telefono cellulare e qualsiasi altra apparecchiatura che riproduca fotografie e filmati devono essere consegnati ai componenti del seggio prima di entrare nella cabina elettorale. Sono previste sanzioni per coloro i quali non si attengano a tale disposizione. La direzione centrale per i Servizi Elettorali del dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del ministero dell’Interno ha attivato la funzione “Cerca il tuo collegio e i tuoi candidati”, come strumento utile per l’esercizio del diritto di voto. La pagina, raggiungibile al link https://dait.interno.gov.it/territorio-e-autonomie-locali/sut/ricerca_sezione.php

Alessandro Cavaglià
Alessandro Cavaglià
Giornalista parlamentare, classe 1956. Già vice caporedattore AGI, responsabile pro tempore delle redazioni Politico-parlamentare, Interni-Cronaca e della Rete speciale per Medio Oriente e Africa. Ha lavorato ad AdnKronos e collaborato con La Stampa e Il Mondo. Laureato in Lettere-Storia moderna all'Università La Sapienza di Roma

Altro dall'autore

Articoli più letti