back to top
10.3 C
Roma
sabato, 20 Aprile 2024

Chirurgia estetica: cresce turismo medico alla ricerca di interventi low cost. Turchia nuova mecca, decidere sempre con attenzione

Sono sempre di più i turisti che visitano la Turchia per sottoporsi a trapianto di capelli o a interventi al seno e al naso. I prezzi per la chirurgia estetica all inclusive sono bassi, ma occorre sempre grande attenzione per evitare possibili rischi. Le strutture sanitarie turche stanno generando entrate considerevoli dal business clinico internazionale, per un totale di oltre 2 miliardi di dollari nel 2022. Spesso sugli interventi, rispetto ai costi nei maggiori Paesi occidentali, è possibile risparmiare da un terzo fino al 70%.

Botox

Nel 2021, secondo l’agenzia americana International Health Services, oltre 670mila stranieri hanno visitato la Turchia per ricevere cure mediche e un anno dopo quel numero è salito a oltre 1,25 milioni, con un incremento dell’88%. Nel 2022, segnala la International Society of Aesthetic Plastic Surgery (ISAPS), la maggioranza degli stranieri provenivano da Germania, Gran Bretagna e Svizzera. Ma anche dall’Italia i viaggi per chirurgia estetica stanno diventando popolari. In terra turca vanno forte i trattamenti con botox e acido ialuronico e tra gli interventi la liposuzione, la rinoplastica e l’aumento del volume del seno.

ISO

Naturalmente, come in ogni parte del mondo, anche ci sono in Turchia strutture sanitarie buone e meno buone. Il consiglio è di non fidarsi delle pubblicità, sempre più diffuse e accattivanti a partire dai social. Una delle cautele può essere verificare se il medico o la clinica siano certificati secondo gli standard europei, come per esempio la certificazione ISO. Il boom del turismo sanitario estetico sta provocando una crescente commercializzazione nel settore e nel business si sono inserite anche altre destinazioni. In Europa sta crescendo l’Albania, dove gli interventi arrivano a costare fino al 50% in meno rispetto all’Italia. Una rinoplastica low cost a Tirana rende possibile ‘migliorare’ il proprio aspetto anche a tanti ragazzi, a partire dai ventenni.

TikTok

Alcune cliniche si presentano su TikTok tra balletti del personale, recensioni solo positive e pacchetti tutto compreso: volo, intervento e soggiorno pre e post operatorio. Si parla ormai di una industria senza vere regole a livello internazionale, quindi sono disponibili pochi dati comparativi sui tassi di complicanze post-procedura nei diversi paesi. L’ISAPS segnala altre mete internazionali con offerte allettanti come Messico, Colombia, Costa Rica e Thailandia. Chirurghi si propongono anche in Corea del Sud, negli Emirati e in Arabia Saudita. Tra i consigli per evitare rischi e sorprese, il non fondare la decisione unicamente sul criterio del prezzo, seguire un percorso di valutazione pre-operatoria adeguato, non firmare il consenso informato sull’onda dell’emotività il giorno stesso dell’intervento, seguire tutte le indicazioni comprese terapie post operatorie, tempi di recupero e appuntamenti di follow-up.

Alessandro Cavaglià
Alessandro Cavaglià
Giornalista parlamentare, classe 1956. Già vice caporedattore AGI, responsabile pro tempore delle redazioni Politico-parlamentare, Interni-Cronaca e della Rete speciale per Medio Oriente e Africa. Ha lavorato ad AdnKronos e collaborato con La Stampa e Il Mondo. Laureato in Lettere-Storia moderna all'Università La Sapienza di Roma

Altro dall'autore

Articoli più letti