Covid, casi in aumento. Mattarella contro le piazze no-vax. OMS “L’inverno sarà duro”

0
(foto quirinale.it)

Infezioni in aumento ovunque. L’Italia tiene ma l’Oms si mostra preoccupata: “L’Europa è l’epicentro della pandemia e l’inverno sarà duro”.

Cresce l’allarme per la quarta ondata del Covid – in Inghilterra un neonato è morto a 9 giorni per Covid preso dalla madre non vaccinata – così come aumentano gli inviti alla prudenza e a non considerare per niente passato il pericolo pandemico. Anzi. E anche il capo dello stato Sergio Mattarella ha fatto sentire oggi la sua voce intervenendo a Parma all’assemblea dell’Anci contro chi come i No-Vax provoca un aumento dei contagi.

“Dobbiamo sconfiggere il virus non attaccare i vaccini” ha detto. “In queste ultime settimane manifestazioni non sempre autorizzate hanno tentato di far passare come libera manifestazione del pensiero l’attacco recato, in alcune delle nostre città, al libero svolgersi delle attività”. “Accanto alle criticità per l’ordine pubblico, sovente con l’ostentata rinuncia a dispositivi di protezione personale e alle norme di cautela anticovid, hanno provocato un pericoloso incremento del contagio”.

Secondo Mattarella “le forme legittime di dissenso non possono mai sopraffare il dovere civico di proteggere i più deboli: dobbiamo sconfiggere il virus, non attaccare gli strumenti che lo combattono. E in ogni caso atti di vandalismo e di violenza sono gravi e inammissibili e suscitano qualche preoccupazione, sembrando, talvolta, raffigurarsi come tasselli, più o meno consapevoli, di una intenzione che pone in discussione le basi stesse della nostra convivenza”.

Il bollettino del ministero della Salute fotografa così la situazione della lotta al Covid: nelle ultime 24 in Italia si sono registrati in Italia 6.032 casi, con 68 morti.  Sono stati 645.689 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati ieri, nelle 24 ore precedenti erano stati 249.115. Il tasso di positività è allo 0,9%, in calo rispetto all’1,7% di ieri. Salgono invece le terapie intensive (421, 6 in più rispetto a ieri) e gli ingressi giornalieri (52 contro i 35 di ieri). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.436, ovvero 74 in più rispetto a ieri. Tornano sopra quota centomila gli attualmente positivi al Covid: 100.205 secondo i dati del ministero della Salute. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono stati 4.818.705, 132.491 le vittime. I dimessi e i guariti sono stati invece 4.586.009, con un incremento di 4.613 rispetto a ieri.

Dati meno gravi rispetto a quelli di altri paesi ma egualmente preoccupanti anche per effetto di diverse notizie come il record di contagi a Trieste dove gli ospedali sono in emergenza o come quelle relative ad un gruppo di pellegrini sardi, tutti intorno ai sessanta anni, tornati da Medjugorie con 30 contagiati dal virus e 6 non vaccinati ricoverati in gravi condizioni in ospedale

.

Exit mobile version