Bonelli, il WSJ e lo ‘sguardo inquietante’ della Meloni

0


E’ finita in prima pagina sul Wall Street Journal la foto di Giorgia Meloni che nasconde la faccia dentro la sua giacca grigia, ieri in aula alla Camera, come risposta al leader dei Verdi Angelo Bonelli che nel corso del suo intervento l’aveva invitata a non guardarlo con quel suo sguardo “inquietante”. Era una risposta “ironica”, si è sentita in dovere di spiegare stamane la premier, per placare “l’ansietà del collega”, scusandosi anche con chiunque altro possa essersi eventualmente sentito “intimorito” dai suoi occhi…

Un singolare siparietto che il quotidiano americano ha scelto di mettere in prima sintetizzando con quella foto l’acceso confronto tra governo e opposizione sulla guerra in Ucraina e su Gaza svoltosi in Parlamento. Solo una foto e un titolo: “Don’t Look at Me With Your Disturbing Eyes” (tradotto, “Non mi guardi con quegli occhi inquietanti”).

E oggi Meloni sui social riprende il siparietto e scrive: “Noto lo scalpore di diversi esponenti dell’opposizione perché alle parole del leader dei Verdi Bonelli rivoltemi in Aula, ‘non mi guardi con sguardo inquietante’, ho risposto coprendomi ironicamente il volto per non destare ansietà al collega. Non so cosa intendesse con ‘sguardo inquietante’, ma mi scuso con il collega e con chiunque altro possa eventualmente sentirsi intimorito”. Controreplica di Bonelli: “Giorgia Meloni mi ha chiesto scusa tramite un post sui social? Non c’entrano le scuse, io non mi sono sentito offeso, il problema non sono le scuse ma che la premier deve avere una postura istituzionale”.

Exit mobile version