Covid
(foto di fernando zhiminaicela da Pixabay)

Aspettando il verdetto dell’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, che domani verosimilmente inviterà i paesi UE che ne hanno sospeso l’utilizzo a continuare ad usare il vaccino AstraZeneca, in Italia si sono registrati nelle ultime 24 ore 431 morti e 23.059 nuovi casi positivi al test del coronavirus. Ieri i casi individuati erano stati 20.396. Le vittime registrate, come detto, sono state 431 (ieri 502) per un totale dall’inizio della pandemia di 103.432. Sono oltre mezzo milione (539.008) gli attualmente positivi, +2.893 rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 369.084 tamponi molecolari e antigenici (ieri 369.379) con un tasso di positività salito al 6,2%, in aumento di 0,7 punti rispetto al 5,5% di ieri. Sempre aspettando l’Ema sono 3.317 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Covid in Italia, 61 più di ieri, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 324 (ieri erano 319), mai così tanti da quanto viene comunicato il dato. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 26.517 persone, con un incremento nelle ultime 24 ore di 419. Se domani, come sembra da quanto anticipato dalla sua direttrice, l’Ema sbloccherà il vaccino anglo-svedese, il governo italiano pensa di poter recuperare in sole due settimane – facendo lavorare giorno e notte le strutture preposte – l’inoculazione dei 200.000 vaccini AstraZeneca ‘saltati’ per le rinunce negli ultimi giorni