Covid tampon

Alla luce dei numeri, se gli interventi non funzionassero arriveremmo a Natale nel pieno della seconda ondata. Se funzioneranno, dovremo adeguarci a una riapertura graduale e a molte cautele, per non ripetere quanto già successo a Ferragosto. Giusto confidare nel vaccino, sbagliato stare ad aspettarlo senza agire per il contenimento della pandemia” afferma il Prof. Massimo Galli, Past President SIMIT, primario di malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano, un’autorità in materia di epidemie, intervenuto alla giornata inaugurale del Global Health, Festival della Salute globale. Un monito il suo ma anche una riflessione sul Covid-19, sul vaccino annunciato da Pfizer, sulla pandemia in Italia e sulle prospettive future, ancora piene di punti interrogativi e probabilmente caratterizzate da nuovi sacrifici.

Ecco una sintesi dl suo intervento: “La prima ondata della pandemia è stata sostenuta, quasi per intero, da un ceppo arrivato probabilmente da Shangai in Germania intorno al 20 gennaio 2020 e poi in Italia, nella prima zona rossa, intorno al 25 di gennaio – ha spiegato il Prof. Galli – Vi sono state certamente anche introduzioni di altri ceppi, il cui ruolo, in base alla frequenza di isolamento delle diverse sequenze, sembra essere stato secondarioLa gestione del post lockdown è stata evidentemente molto carente. Abbiamo riaperto senza che fossero poste in atto precauzioni sufficienti e senza avviare a soluzione problemi quali, ad esempio, la sicurezza dei trasporti pubblici e il potenziamento della diagnostica e delle strutture sanitarie dedicate. Sul piano assistenziale, l’attuale gestione deve affrontare gli stessi problemi di marzo. Chiudere adesso per “salvare il Natale” può non essere più sufficiente. I tradizionali cenoni allargati quest’anno non saranno comunque possibili. Alla luce dei numeri, se gli interventi non funzionassero arriveremmo a Natale nel pieno della seconda ondata. Se funzioneranno, dovremo adeguarci a una riapertura graduale e a molte cautele, per non ripetere quanto già successo a Ferragosto. Rispetto alla scorsa primavera, quando la gente era impaurita, ma solidale e disponibile a seguire le disposizioni, ora c’è molta stanchezza e anche molta rabbia. Posizioni irrazionali trovano molto più spazio. Il personale sanitario, che subisce l’urto della nuova ondata, è stanco, preoccupato, frustrato. I pazienti ricoverati ora ricordano, per gravità, ormai in tutto e per tutto quelli della prima ondata. Ad aumentare la confusione, si moltiplicano inoltre le segnalazioni di casi di reinfezione. Quelle accertate inoppugnabilmente mediante il confronto del virus di primavera con quello della seconda infezione sono in realtà pochissime. Comunque se, come pare, il fenomeno fosse più frequente, le seconde infezioni sembrano essere miti o asintomatiche.

La questione sulla durata dell’immunità è controversa – sostiene il prof. Galli – perché in molti gli anticorpi in circolo tendono a sparire presto, ma vi sono lavori che suggeriscono la permanenza di una robusta immunità cellulare. È possibile che nella seconda ondata il virus sia in parte cambiato. Stiamo cercando di capire quanto questo sia accaduto in Italia. La storia dei visoni in Danimarca merita una certa attenzione: questi animali in cattività sono stati infettati accidentalmente dai loro allevatori, ma avrebbero anche ritrasmesso il virus all’uomo, a differenza di tutti gli animali domestici in cui il fenomeno è stato studiato, che non rappresentano un pericolo. È possibile che il sistema immunitario dei visoni finisca per selezionare nuovi mutanti, problema ulteriore di cui certo non avremmo bisogno. Tutte le forzature che imponiamo alla natura hanno un prezzo”.