Effetto SuperMario sui mercati e lo spread scende sotto quota 100. La raffica di sì che si sta materializzando intorno al tentativo di Mario Draghi di formare un governo fa volare piazza Affari che ha chiuso ai massimi da un anno. C’è un cauto ottimismo sulle possibilità di trovare una maggioranza e le parole di Giuseppe Conte, apprezzate anche dal Quirinale, hanno rappresentato un sorta di endorsement nei confronti dell’ex-presidente della Bce. Quindi quarto giorno consecutivo di segno positivo a Piazza Affari, ancora una volta in testa tra le Borse europee: +1,65% a 22.900,55 punti, il massimo dal 26 febbraio scorso, quando aveva chiuso a 23.432. Un exploit sostenuto anche dal calo dello spread che è sceso per la prima volta, da dicembre 2015, sotto quota 100 e ha chiuso a 99 punti, dai 103 di ieri.