Vaccino AstraZeneca
(foto account facebook Yeni Nesil Gazetesi)

L’Agenzia europea del farmaco ha sbloccato il vaccino anti-Covid Astrazeneca che in Italia riprenderà ad essere utilizzato da domani. Il farmaco anglo-svedese era stato sospeso precauzionalmente dalla stessa Ema e in diversi paesi Ue tra cui l’Italia lunedì scorso, dopo alcuni casi di tromboembolia registrati tra le persone cui era stato inoculato. Una sospensione che aveva rallentato in modo consistente i piani vaccinali nazionali. “E’ un vaccino sicuro ed efficace” ha sentenziato la direttrice dell’Ema, l’irlandese Emer Cooke. “I benefici sono superiori ai rischi. Il vaccino non è legato a rischio trombosi e non può essere associato a un incremento degli eventi di trombosi” ha aggiunto nell’attesissima conferenza stampa.

Secondo l’Ema si sono registrati 25 rari casi di trombosi su 20 milioni di vaccinati con il farmaco anglo-svedese, meno dii quanti se ne registrano a fronte dello stesso numero di non vaccinati. La decisione dell’Ema è stata accolta “con soddisfazione” dal governo italiano e ora il piano vaccinale nazionale può riprendere con maggior vigore, come aveva anticipato stamane il presidente del Consiglio Mario Draghi, a Bergamo per la commemorazione delle vittime da Covid-19.  

La ripresa delle vaccinazioni con AstraZeneca è programmata da domani alle 15. “Il governo, e lo sapete bene, è impegnato a fare il maggior numero di vaccinazioni nel più breve tempo possibile. Questa è la nostra priorità. La sospensione del vaccino AstraZeneca, attuata lunedì con molti altri Paesi europei – aveva detto stamane Draghi – è stata una decisione temporanea e precauzionale. Oggi l’Agenzia Europea dei Medicinali darà il suo parere definitivo sulla vicenda. Qualunque sia la sua decisione, la campagna vaccinale proseguirà con la stessa intensità, con gli stessi obiettivi”.