10.4 C
Roma
mercoledì, 7 Dicembre 2022

Hassan (per l’Onu un terrorista) alla guida del nuovo governo dei Talebani, Baradar solo vice

I talebani hanno annunciato oggi a Kabul la formazione del loro nuovo governo. E’ un governo provvisorio dall’impronta “terroristica”.

Il neo-premier, nominato ad interim, infatti è Mohammad Hassan Akhund che figura nelle liste dell’Onu come “terrorista o associato ai terroristi”. E il ministro degli Interni è Sirajuddin Haqqani, leader delle milizie vicine ad Al Qaida e ricercato dall’FBI che sulla sua testa ha messo una taglia da 5 milioni di dollari.

Mohammad Hassan è stato in passato consigliere politico del Mullah Omar, già leader dei Talebani, oltre che governatore di Kandahar e ministro degli Esteri negli anni del primo governo degli studenti coranici, tra il 1996 e il 2001. Solo vice-premier il mullah Abdul Ghani Baradar, co-fondatore dei talebani, negoziatore con gli Usa a Doha sul ritiro della Nato dall’Afghanistan e capo politico in pectore degli studenti coranici. Il figlio del mullah Omar, mullah Yaqoub, sarà il ministro della Difesa del nuovo governo provvisorio dei Talebani.

Quello annunciato oggi, secondo quanto affermato dal portavoce de Talebani in una conferenza stampa “sarà l’unico governo in 40 anni di storia afghana a governare sull’intero Afghanistan”, come dire che Kabul considera cessata qualunque resistenza anti-Talebani nella valle del Panshir ad opera dei seguaci di Ahmad Massud

Gianfranco Eminente
Gianfranco Eminente
Cronista prima di tutto. Ha iniziato il praticantato ed è diventato giornalista professionista lavorando per 'Il Giornale d'Italia' nel 1974. E' passato poi all'Agenzia Italia ricoprendo vari incarichi: inviato speciale, capo degli Esteri e del servizio Diplomatico, anche quirinalista e dal 1989, a Montecitorio, redattore capo e responsabile del servizio Politico di questa primaria agenzia di stampa nazionale. Nel 2001 è stato nominato vice-Direttore vicario sempre all'Agi, incarico che ha mantenuto fino al 2009. Giornalista parlamentare.

Altro dall'autore

Articoli più letti