33.2 C
Roma
lunedì, 8 Agosto 2022

M5s: lasciano anche Crippa e D’Incà. Grillo contro gli zombie, “Stringiamoci a coorte”

“Stringiamoci a coorte” contro gli zombie, scrive Beppe Grillo sul suo blog.

Il co-fondatore del Movimento torna a farsi vivo per invitare i grillini nella tempesta a non mollare prendendo a prestito le parole dell’Inno di Mameli. “L’Italia ci sta chiamando, vinceremo” dice l’ex-comico mentre non si arresta l’esodo di quanti lasciano il Movimento accusato di aver provocato la caduta del governo Draghi.

Dopo l’addio di Di Maio seguito da una sessantina di parlamentari oggi hanno lasciato “con decisione sofferta” anche il capogruppo alla Camera Davide Crippa e il ministro per i rapporti con il parlamento Federico D’Incà. Altri due ‘big’ (probabilmente pronti a correre con liste collegate ai Dem): secondo loro la mossa di Giuseppe Conte è stata “incomprensibile e irresponsabile” e quindi non condivisibile. E non è detto che sia finita qui. Il clima all’interno del M5s è tesissimo e sono forti le polemiche dopo l’ultimo terremoto: quello per il ‘no’ alla deroga al tetto dei due mandati, sostenuto con forza dal co-fondatore e alla fine, ma solo alla fine, accettato da Conte. Una decisione che falcidia il gotha degli Movimento – una novantina – e manda in pensione (politica) anticipata personaggi del calibro di Roberto Fico, Paola Taverna, l’ex-reggente Vito Crimi, Roberta Lombardi, Alfonso Bonafede – che ha introdotto Conte nel Movimento – Fabiana Dadone, Riccardo Fraccaro, Carlo Sibilia, Stefano Buffagni, Danilo Toninelli. Nessuno di questi potrà essere ricandidato.

Nella tempesta grillina il post dell’ex-comico contro gli zombie “di cui Roma è schiava”. “Sapevamo fin dall’inizio di dover combattere contro zombie che avrebbero fatto di tutto per sconfiggerci o, ancor peggio, contagiarci. E così è stato: alcuni di noi sono caduti, molti sono stati contagiati. Ma siamo ancora qui, e alla fine vinceremo, perché abbiamo la forza della nostra precarietà: siamo qui per combattere, non per restare, e questa nostra diversità è spiazzante per gli zombie” scrive Grillo. Che prosegue così: “Compiangiamo chi di noi è caduto e non ha resistito al contagio. Ma soprattutto ringraziamo chi di noi ha combattuto e combatte ancora. Per alcuni è il tempo di farlo con la forza della precarietà, perché solo così potremo vincere contro gli zombie, di cui Roma è schiava. Onore a chi ha servito con coraggio e altruismo, auguri a chi prosegue il suo cammino! Stringiamoci a coorte! L’Italia ci sta chiamando”.

Gianfranco Eminente
Gianfranco Eminente
Cronista prima di tutto. Ha iniziato il praticantato ed è diventato giornalista professionista lavorando per 'Il Giornale d'Italia' nel 1974. E' passato poi all'Agenzia Italia ricoprendo vari incarichi: inviato speciale, capo degli Esteri e del servizio Diplomatico, anche quirinalista e dal 1989, a Montecitorio, redattore capo e responsabile del servizio Politico di questa primaria agenzia di stampa nazionale. Nel 2001 è stato nominato vice-Direttore vicario sempre all'Agi, incarico che ha mantenuto fino al 2009. Giornalista parlamentare.

Altro dall'autore

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Articoli più letti