back to top
10.3 C
Roma
sabato, 20 Aprile 2024

Ucraina guerra persa in sei mesi. L’Europa non può fare guerra alla Russia

Papa Francesco ha ragione, sarebbe sensato che l’Ucraina avviasse trattative anche se dolorose di pace. Il paese e’ allo stremo, mancano munizioni ed armi ma soprattutto uomini.

La Russia, impreparata all’inizio anche per motivi di corruzione interna, che hanno spiazzato Putin, si è riorganizzata. E rimane comunque una grande potenza, non isolata. Dialoga con medio potenza a cominciare dalla Turchia, e poi con l’Iran e l’Arabia Saudita. Soprattutto ha stretti rapporti con due potenze nucleari da tre miliardi complessivi di abitanti, la Cina e l’India. Senza contare la Corea del Nord ed il Brasile di Lula.

Ad essere isolata è semmai l’Europa. E cosa accadrebbe poi se gli Usa si disimpegnassero dalla Nato? Cosa non da escludere soprattutto se a vincere dovesse essere Trump. Ma anche lo stesso Biden fin quando potra’ reggere ad appoggiare un guerra che non e’ sentita dagli americani?

In Europa le parole contano poco, come quando vengo lanciati allarmi, evocando l’incubo della guerra “Preparate i cittadini” o come Macron che ipotizza l’invio di soldati. Sarebbe solo l’inizio di un terza guerra mondiale, tra l’altro destinata a sicura sconfitta senza gli americani.

Francesi, spagnoli ed italiani, hanno un esercito di circa 90 mila uomini, la Germania circa il doppio. Gli inglesi, i più preparati, sono fuori dall’Europa. Soldati preparati e bene armati, ma non abituati alla battaglia. Gli eserciti europei hanno una cultura di peacekeeping, presidio del territorio e dialogo con le popolazioni, contrasto di base armate locali.

Gli americani faranno di tutto per risolvere la situazione imponendo la pace all’Ucraina prima dellle elezioni presidenziali di novembre. Di grande aiuto potrebbe essere Papa Francesco, che è stato invitato a Mosca, notizia smentita dal Vaticano e non confermata ma neppure smentita dal Cremlino. Ovviamente il Pontefice volerà a Mosca, per un faticoso viaggio, solo se si apriranno serie prospettive di pace.

Si discute tanto delle elezioni in Russia, dove il popolo ha acclamato Putin, ma cosa succederebbe se si votasse oggi in Ucraina?

Altro dall'autore

Articoli più letti