31.7 C
Roma
martedì, 16 Agosto 2022

M5s: Di Battista vuole il congresso, Grillo lo impallina

Scoppia la polemica ai piani alti dei Cinquestelle. Di Battista ha proposto di convocare al più presto un congresso M5s per vedere chi tra i grillini è il più forte. Ma Beppe Grillo, fondatore e attuale garante del Movimento ha bocciato l’idea accusando Dibba di avere il senso del tempo come nel film ‘Il giorno della marmotta'” (film-commedia americano su un uomo che rivive lo stesso giorno all’infinito). La controreplica dell’esponente grillino non si è fatta attendere e Dibba, senza arretrare, ha rilanciato: “Si può anche dissentire sulle mie proposte ma bisogna spiegare chiaramente il perché…”. Tutto è partito dalle dichiarazioni che Alessandro Di Battista, dopo un lungo periodo di silenzio e di assenza dalla tv, ha fatto nel corso di Mezz’ora in più intervistato da Lucia Annunziata: “Il M5S deve organizzare un congresso, un’assemblea costituente. Chiedo formalmente il prima possibile un’assemblea in cui tutte le anime possano costruire una loro agenda e vedremo chi vincerà’. Neanche un’ora dopo l’affondo di Grillo: “Assemblea M5s? Dopo i terrapiattisti e i gilet arancioni di Pappalardo, pensavo di aver visto tutto…ma ecco l’assemblea costituente delle anime del Movimento. Ci sono persone che hanno il senso del tempo come nel film “Il giorno della marmotta”. Nella stessa intervista all’Annunziata Dibba parla anche di Conte, tranquillizzandolo: “Ho fiducia in lui, da me non deve temere picconate. Ma se vuole fare il leader del Movimento si deve iscrivere al M5s e partecipare al prossimo congresso”.

Gianfranco Eminente
Gianfranco Eminente
Cronista prima di tutto. Ha iniziato il praticantato ed è diventato giornalista professionista lavorando per 'Il Giornale d'Italia' nel 1974. E' passato poi all'Agenzia Italia ricoprendo vari incarichi: inviato speciale, capo degli Esteri e del servizio Diplomatico, anche quirinalista e dal 1989, a Montecitorio, redattore capo e responsabile del servizio Politico di questa primaria agenzia di stampa nazionale. Nel 2001 è stato nominato vice-Direttore vicario sempre all'Agi, incarico che ha mantenuto fino al 2009. Giornalista parlamentare.

Altro dall'autore

Articoli più letti