Hong Kong

Il piano di Johnson prevede l’arrivo di un milione di cittadini di Hong Kong sul suolo britannico in 5 anni. I nuovi residenti porteranno guadagni per circa 2,9 miliardi di sterline nelle casse dello Stato

di Oriana Mariotti

Causa le continue tensioni tra i cittadini di Hong Kong e la Cina, in Gran Bretagna si prevede l’arrivo di 1 milione di persone nei prossimi 5 anni. Nuovi cittadini britannici che rimpingueranno le casse dello Scacchiere, il Tesoro inglese, con un addizionale di almeno 2,4-2,9 miliardi di sterline. Secondo le stime ufficiali del ministero degli Esteri del Regno Unito, 500mila immigrati arriveranno entro fine 2021, gli altri saranno spalmati nei 4 anni successivi. Tutti cittadini di Hong Kong in possesso del passaporto britannico e quindi con i requisiti per richiedere il visto di espatrio dalla regione amministrativa speciale cinese e raggiungere la Gran Bretagna con le proprie famiglie.

Passaporto

Il passaporto Overseas è stato creato per tutti i cittadini britannici residenti a Hong Kong, registrati come BNO (British National Overseas) nei territori britannici oltremare al 30 giugno 1997. Nel luglio scorso il premier, Boris Johnson. ha annunciato che i possessori del passaporto BNO potranno risiedere in Gran Bretagna per un periodo di 5 anni, al termine dei quali potranno richiedere la cittadinanza. Una mossa fatta dal governo inglese dopo l’emanazione delle leggi sulla sicurezza nazionale varate a Pechino per Hong Kong. La Cina, tuttora molto contrariata, ha chiesto al governo di Johnson di ripensarci.

Benefici economici

Il segretario di Stato per gli Affari Interni del Regno Unito, Priti Patel, ha dichiarato: “Siamo lieti di favorire l’arrivo dei cittadini di Hong Kong e delle loro famiglie. Il piano previsto dal nostro governo è molto generoso”. Infatti, la migrazione dei transfughi dall’ex colonia inglese porterà benefici economici immediati, che faranno dimenticare i mal di pancia causati dalla Brexit, alle finanze dello Stato. I nuovi visti britannici, offerti a circa 3 milioni di residenti a Hong Kong, permetteranno ai possessori del passaporto BNO di risiedere nel Regno Unito, ma non di accedere al sistema sanitario pubblico. Nello stesso tempo però questi nuovi cittadini dovranno pagare le tasse come tutti gli altri, permettendo al ministero del Tesoro di recuperare in fretta i soldi spesi per il rilascio dei nuovi documenti di ingresso nel Paese. Tutto il resto sarà puro guadagno per il governo di Johnson.

(foto da sito CGTN)