16.6 C
Roma
venerdì, 9 Dicembre 2022

Draghi ‘testimonial’ del turismo in Italia. L’invito agli stranieri: “Prenotate da noi”

“Prenotate le vostre vacanze in Italia. L’Italia è pronta ad riaccogliervi. non vediamo l’ora”. E’ un Draghi che non ti aspetti quello che fa e parla da testimonial per l’auspicata ripresa del turismo nel Belpaese, nel dopo-Covid, grazie anche al turismo straniero.

Nella conferenza stampa convocata a conclusione del G20 con i ministri del turismo – per l’Italia Garavaglia – è intervenuto un premier meno compassato del solito, sorridente, che ha annunciato il prossimo arrivo del ‘pass verde’ nazionale in vigore già nella seconda metà di maggio (anticipando così il green pass europeo pronto a metà giugno).

Sul fronte della lotta al Covid le cose qui da noi stanno andando meglio, la campagna vaccinale ha ingranato una marcia spedita e il paese è pronto a ri-accogliere il turismo straniero. “Il mondo vuole viaggiare in Italia – ha spiegato il premier – e l’Italia è pronta a ridare il benvenuto al mondo. Non ho dubbi che il turismo nel nostro Paese riemergerà più forte di prima”. Il pass nazionale permetterà di viaggiare senza restrizioni e grazie al pass italiano i turisti saranno in grado di spostarsi da un Paese all’altro senza quarantena, a patto che possano dimostrare di essere guariti dal Covid, vaccinati o negativi a un tampone.

Per il ritorno dei turisti in Italia saranno indispensabili “regole chiare e semplici” ma ciò che conta è che “le nostre montagne, le nostre spiagge, le città e le nostre campagne stanno riaprendo e questo processo accelererà nelle prossime settimane e nei prossimi mesi”. Per questo, ha esortato il presidente del Consiglio, “prenotate le vostre vacanze in Italia, non vediamo l’ora di accogliervi di nuovo”.

Gianfranco Eminente
Gianfranco Eminente
Cronista prima di tutto. Ha iniziato il praticantato ed è diventato giornalista professionista lavorando per 'Il Giornale d'Italia' nel 1974. E' passato poi all'Agenzia Italia ricoprendo vari incarichi: inviato speciale, capo degli Esteri e del servizio Diplomatico, anche quirinalista e dal 1989, a Montecitorio, redattore capo e responsabile del servizio Politico di questa primaria agenzia di stampa nazionale. Nel 2001 è stato nominato vice-Direttore vicario sempre all'Agi, incarico che ha mantenuto fino al 2009. Giornalista parlamentare.

Altro dall'autore

Articoli più letti