russo russa russi
(foto da sito en.kremlin.ru)

Colpi di avvertimento di una nave pattuglia di frontiera russa e di un bombardiere tattico Sukhoi Su-24 verso il cacciatorpediniere di Sua Maestà, HMS Defender. L’unità militare britannica era entrata nelle acque territoriali russe nel Mar Nero, al largo di Capo Fiolent in Crimea, non lontano da Sebastopoli. L’incidente è stato segnalato dal ministero della Difesa di Mosca. La Russia ha annesso la Crimea dall’Ucraina nel 2014, senza ottenere riconoscimento a livello internazionale. La nave britannica proveniva dal porto ucraino di Odessa. Londra e Kiev hanno firmato un accordo per costruire insieme navi da guerra e realizzare due basi navali.

Sicurezza

L’Occidente appare determinato a mostrare sempre più spesso i muscoli alla Russia, così come alla Cina. “Purtroppo – ha detto il presidente russo, Vladimir Putin, in un video-discorso ai partecipanti alla Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale – i processi geopolitici stanno diventando sempre più turbolenti”. E questo nonostante “segnali positivi isolati“. Secondo il leader russo continuano “l’erosione del diritto internazionale” e anche i tentativi di “usare la forza per far passare i propri interessi e per rafforzare la propria sicurezza a scapito della sicurezza degli altri”. La soluzione delle questioni più importanti dell’agenda militare e politica odierna e la ricerca di risposte congiunte efficaci alle sfide comuni sono cruciali per “rafforzare la sicurezza sul pianeta e lo sviluppo sostenibile”, ha affermato Putin. La Russia chiede innanzitutto il recupero di un partenariato globale con l’Europa.

ONU

“I conflitti armati regionali, i rischi di proliferazione delle armi di distruzione di massa, l’attività di gruppi criminali transfrontalieri, il traffico di droga e i criminali informatici ci preoccupano seriamente”. Inoltre, ha rimarcato Putin, “il terrorismo internazionale continua a rappresentare una minaccia particolare”. La portata e la natura globale di queste sfide richiede che tutti gli Stati uniscano i loro sforzi. Secondo il capo del Cremlino, questo lavoro collettivo deve essere basato sul diritto internazionale e sugli obiettivi e sui principi della Carta delle Nazioni Unite. “Qualsiasi nuova regola dovrebbe essere formulata sotto gli auspici delle Nazioni Unite. Tutte le altre strade porteranno al caos e all’imprevedibilità”. Per Mosca, “l’ONU è stata e rimane il fondamento del sistema di relazioni internazionali”. Putin ha ricordato: “Obiettivo principale di questa organizzazione, autorevole e riconosciuta a livello internazionale, è prevenire un conflitto globale, una nuova guerra mondiale”.