19.5 C
Roma
mercoledì, 25 Maggio 2022

Tel Aviv la città più cara al mondo. Roma scende nella classifica di Economist Intelligence Unit

Tel Aviv è la città più cara al mondo in cui vivere. La metropoli israeliana ha scalato la classifica stilata dall’Economist Intelligence Unit (EIU). Ha salito ben cinque gradini rispetto al rapporto del 2020, che vedeva Parigi, Hong Kong e Zurigo insieme al primo posto. La top ten 2021 vede Parigi e Singapore in seconda posizione, seguite da Zurigo e Hong Kong. New York è sesta e Ginevra settima. Copenaghen, Los Angeles e Osaka completano i primi posti della classifica.

Inflazione

Le posizioni vengono determinate attraverso l’esame dei costi di più di 200 prodotti e servizi in 173 paesi. L’ultimo posto è occupato dalla capitale siriana Damasco, preceduta da un altra capitale in guerra, Tripoli. Roma scende di sedici posizioni, dalla 32ma alla 48ma, con il calo più sensibile per via del crollo dei prezzi dell’abbigliamento e dei beni di prima necessità. I dati di EIU rivelano che la crescita dei prezzi in era Covid ha determinato il più rapido aumento del costo della vita per gli abitanti delle città negli ultimi cinque anni.

Vaccini

In media i prezzi dei beni e servizi sono aumentati del 3,5% su base annua nelle diverse valute locali, rispetto a un aumento di appena l’1,9% del 2020. Sebbene la maggior parte delle economie in tutto il mondo si stia ora riprendendo con il progresso dei vaccini, molte grandi città stanno ancora registrando picchi di casi. Inevitabili nuove restrizioni sociali, che hanno interrotto la fornitura di beni, portando a carenze e a prezzi più alti.

Berlino

Il balzo maggiore verso l’alto è stato quello di Teheran, che è passata dal 79esimo al 29esimo posto, poiché le sanzioni statunitensi hanno causato carenze e aumenti dei prezzi. In generale, le città nordamericane e cinesi rimangono a prezzi relativamente moderati. Le più economiche si trovano principalmente in Medio Oriente e in Africa, o nelle parti più povere dell’Asia. Berlino, scesa al 50esimo posto, risulta la capitale più ‘risparmiosa’ tra quelle dei Paesi maggiormente sviluppati.

Alessandro Cavaglià
Alessandro Cavaglià
Giornalista parlamentare, classe 1956. Già vice caporedattore AGI, responsabile pro tempore delle redazioni Politico-parlamentare, Interni-Cronaca e della Rete speciale per Medio Oriente e Africa. Ha lavorato ad AdnKronos e collaborato con La Stampa e Il Mondo. Laureato in Lettere-Storia moderna all'Università La Sapienza di Roma

Altro dall'autore

Articoli più letti