25.1 C
Roma
venerdì, 19 Agosto 2022

Gli animali domestici non sono giocattoli. Né da regalare né da abbandonare

Cani e gatti sono i nostri più grandi amici, per sempre. Non abbandoniamo gli animali dopo le feste di Natale

Non abbandoniamo cani e gatti dopo Natale. Troppo comodo fare un regalo  spettacolare come un cucciolo di cane per Natale che poi si rivela indesiderato a chi lo riceve. Perché inaspettato, troppo impegnativo, troppo personale. Sono infinte le ragioni per cui non si vuole tenere un animale in casa e sono tutte “valide”. Gli animali non sono oggetti, non sono regali, ma sono un impegno per la vita.

Elettrizzante

È molto elettrizzante far trovare un cucciolo sotto l’albero a bambini che non se lo aspettano, ma se poi non lo accudiranno? I cani abbaiano di natura. Non si possono lasciare soli per troppe ore. Devono uscire di casa tre volte al giorno. Inoltre, quando partiamo per un viaggio o li portiamo con noi, oppure dobbiamo trovare un dog sitter. Gli animali sono fonte di costo, come un cucciolo di umano. E l’impegno che dedichiamo loro è per sempre, non solo per le feste. 

Denuncia

Contro l’abbandono degli animali, è nata durante la scorsa estate, la campagna 2021 #faisentirelatuavoce lanciata da LNDC Animal Protection Nonostante in Italia sia in aumento il numero di animali domestici adottati – quattro italiani su dieci hanno accolto un animale in casa -, aumenta anche il numero di quanti vengono abbandonati. Nel 2020 sono stati oltre 76 mila gli ingressi nei canili e oltre 42 mila nei rifugi. Ma sono stati adottati più di 42 mila cani. Dunque, “un Paese diviso tra chi li ama e li tiene al proprio fianco come compagni di vita e chi, invece, li tradisce”, denuncia la LNCD. Invita perciò tutti i cittadini a contrastare questa piaga, segnalando tempestivamente il reato. Questo il video con il volto e la voce della testimonial, Samantha de Grenet: https://www.youtube.com/watch?v=supgWHM7_nM

All Dogs Matter

Anche all’estero esistono associazioni benefiche che si occupano del benessere dei nostri piccoli amici. L’associazione-rifugio per animali britannica ‘All Dogs Matter’ ha scoperto che cani e gatti, amici fedeli durante questi due anni di pandemia, sono  stati abbandonati negli ultimi mesi. Anche le razze più griffate vengono scaricate.  Bulldog francesi, bassotti e cocker sono stati abbandonati come mai prima d’ora. E a Natale ancora di più. “Queste persone hanno preso dei cani in un momento molto particolare. Poi non sono stati in grado di accedere a corsi di formazione di buona qualità. E le cure veterinarie erano limitate”, dice a “The Guardian” Adam Clowes, direttore delle operazioni di Dogs Trust. “Quando la vita è tornata a una pseudo normalità, quei cani e i loro proprietari hanno incominciato a fare fatica a rimanere insieme”.  

Amici Cucciolotti

Dopo le feste, troppi animali domestici finiscono in strada e nei canili. Già noi siamo vittime della pandemia, evitiamo di rendere anche cani e gatti vittime inconsapevoli del nostro egoismo, della nostra superficialità. Non abbandoniamoli. Se proprio qualcuno non è più in grado di accudirli, si rivolga a un rifugio per animali. Anche l’Enpa (Ente nazionale protezione animali) ha ricordato che un cucciolo non è un buon regalo di Natale e che le adozioni devono essere consapevoli. Chi vuole contribuire al benessere degli animali può regalare per la Befana a figli e nipoti l’album delle figurine “Amici Cucciolotti 2022”. La collezione delle figurine di Pizzardi Editore che è in edicola dal 21 dicembre scorso. Un regalo solidale a favore degli animali, dell’ambiente e dei bambini.

Oriana Mariotti
Oriana Mariotti
Giornalista pubblicista dal 1997. Esperta di comunicazione a 360° ha partecipato alla nascita di Virgilio.it (Matrix), ex manager Gruppo Fiat e Gruppo L’Espresso. Laureata in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Roma LUMSA.

Altro dall'autore

Articoli più letti