36.9 C
Roma
domenica, 3 Luglio 2022

Nel giorno della rosa, il no del centrosinistra. La carta coperta di Salvini&c è la Casellati

Nel giorno della rosa del centrodestra, Moratti, Pera e Nordio, viene da dire come detto da una vecchia volpe come il senatore Gaetano Quagliariello “Beati quelli fuori dalle rose…”. Infatti il nome di Elisabetta Casellati che girava tra i possibili petali è stata espunta, “per tenere le cariche istituzionali al riparo dalla discussione”, ha spiegato Salvini. La presidente del Senato, sarebbe la vera carta del centrodestra nel caso che decidesse di puntare sulla “spallata” e sarebbe giocata alla quarta votazione, quando il quorum scenderà da due terzi alla maggioranza assoluta di 505 voti.

Il centrosinistra ha mostrato attenzione per i nomi proposti ma ha anche risposto con un secco no e dopo avere valutato le varie opzioni nel corso di una riunione ha deciso di non contrapporre nessuna rosa e di cercare invece di approfondire il dialogo per trovare una soluzione condivisa. Letta ha detto “Nessuno ha la maggioranza, troviamo una soluzione”.

Intanto fumata nera anche nella seconda votazione. La terza avverrà domani mattina, ma non sono previste sorprese. Da giovedì inizieranno i giochi veri. La speranza di tutti e’ di arrivare ad una conclusione comune entro la settimana.

Altro dall'autore

Articoli più letti