10.4 C
Roma
lunedì, 28 Novembre 2022

‘The Crown’ 5 – chi è la più bella del reame?

Al via la quinta stagione di ‘The Crown’, la serie televisiva prodotta e distribuita da Netflix che ripercorre il regno di Elisabetta II e che, dalla morte della sovrana, ha scalato la classifica delle serie tv più viste di sempre. Le prime quattro stagioni iniziano con il regno di re Giorgio e finiscono con l’intenzione di separazione di ‘Lady Di’ da Carlo, principe di Galles, a Filippo di Edimburgo che le intima di pensarci bene. La serie in onda dal 2016 non narra solo la storia del regno e dei suoi membri aristocratici, ripercorre anche la narrazione geopolitica della Gran Bretagna, il complicato rapporto tra governo inglese e monarchia, l’IRA e i 56 Stati del Commonwealth delle Nazioni.

La guerra

La quinta stagione riprende con l’annuncio ufficiale della separazione di re Carlo III e Diana, commentato dai media e dai nuovi interpreti del principe e della principessa del Galles. Voci e volti che nella serie tv sono cambiati tre volte. E sempre con scelte interpretative di totale eccellenza. Il teaser trailer inizia con le immagini di Dominic West (Carlo) e Elizabeth Debicki (Diana) mentre vengono truccati e preparati per registrare quelle famose interviste di fiele che molti ancora ricordano con stupito orrore. In sottofondo la voce di un commentatore tv recita: “Si annuncia una guerra totale”. Le nuove puntate di ‘The Crown’ arriveranno sui nostri schermi il 9 novembre e intanto chi ancora non l’avesse seguita, ha un mese di tempo per ripercorrere tutte le precedenti stagioni in download per i clienti Netflix. 

Top 10

Cambia di nuovo anche l’attrice che interpreta Elisabetta II. Dopo Claire Foy, nelle prime due stagioni, e Olivia Colman, nella terza e quarta, sarà Imelda Staunton a dare voce e volto alla sovrana inglese. Del resto la serie inizia nel 1947 e vuole arrivare ai giorni nostri. Ed evidentemente la scelta della produzione (e del creatore della serie, lo sceneggiatore inglese Peter Morgan) di non ‘invecchiare’ i protagonisti, ma di sostituirli via via negli anni con altri attori, è stata vincente. Oggi, a poche settimane dalla fine della nuova era elisabettiana, lo sceneggiato tv è entrato –  per la prima volta dal 2016 (anno del debutto della serie) – nella classifica dei top 10. ‘The Crown’  ha vinto negli anni 21 Emmy, raccogliendo 63 candidature. Ha collezionato ottimi ascolti ed eccellenti critiche. Dal 9 all’11 settembre 2022 la serie ha aumentato l’audience in tutto il Regno Unito dell’800%. 

Nostalgia

Ma che ne pensava la diretta interessata, la regina Elisabetta II? Nessuno lo saprà mai. Si narra però che, almeno secondo voci di corridoio, fino all’inizio della quarta stagione, momento in cui debutta nella serie Lady Diana Spencer, la sovrana fosse curiosamente entusiasta di come era stata dipinta la sua figura dal celebrato sceneggiatore Peter Morgan. Noto anche per la scrittura della pellicola cinematografica ‘The Queen’. Però da Diana in poi la musica è cambiata e la casa reale in toto ha espresso negatività nei confronti della serie tv. La principessa del Galles, come narra la storia e la sceneggiatura, ha eclissato per anni la luce che già emanava fioca dal futuro re Carlo III. Nella quarta stagione anche la regina (qui madre e suocera) imperturbabile di fronte alle molteplici suppliche del principe suo figlio e alla ricerca di affetto della nuora, non è più la magnifica sovrana delle prime tre stagioni. Almeno non fino alla sua morte. Adesso di nuovo può essere tutto diverso. La nuova melodia di oggi si chiama nostalgia. Sempre che gli scandali che si susseguiranno nelle prossime stagioni, dagli anni ’90 al processo Epstein, non rovescino di nuovo le parti.

Oriana Mariotti
Oriana Mariotti
Giornalista pubblicista dal 1997. Esperta di comunicazione a 360° ha partecipato alla nascita di Virgilio.it (Matrix), ex manager Gruppo Fiat e Gruppo L’Espresso. Laureata in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Roma LUMSA.

Altro dall'autore

Articoli più letti