17.3 C
Roma
venerdì, 9 Dicembre 2022

Meloni parte, primo Cdm, giustizia, misure su rave e Covid ”Basta approccio ideologico”

La Meloni e’ partita. Con il sio primo Consiglio dei miniatri e relativa conferenza stampa finale. Con lei i ministri della Giustizia Nordio, dell’Interno Piantedosi e della Salute Schillaci. E’ stata anche completata la squadra di governo con la nomina dei viceministri e sottosegretari. Quote riaspettate con la novità di Sgarbi sottosegretario alla Cultura.

SICUREZZA Il gpverno ha subito dovuto affrontare una prima emergenza con il race party di Modena, sbucato fuori proprio nel giorno del debutto del governo. Uno sgombero con la forza avrebbe potuto portare ad incidenti. Con immancabili feroci polemiche. Tutto e’ invece filato liscio con la vigilanza del nuovo ministro dell’Interno ed i giovani si sono allontanati pacificamente dal capannone che avevano occupato. Ma in Italia sorprendentemente c’era un buco normativo, Colmato, con apposito decreto. Reclusione da 3 a 6 anni e molte da 1000 a 10000 euro e si procede d’ufficio. ”se il fatto è commesso da piu’ di 50 persone allo scopo di organizzare un raduno dal qule possa possa derivare un pericolo per l’ordine pubblico o la pubbblica incolumità o la salute pubblica”.

GIUSTIZIA. Approvato un decreto con misure urgenti sul divieto di concessione dei benefici penitenziari per i detenuti che non callaborino con la giustizia, vale a dire e’ stato confermato l’ergastolo ostativo. Aggiornato dopo i rilievi dell’Europa in vista della prossima riunione della Corte Costituzionle. E’ stata anche inserita una proroga per la riforma del processo penle, previsto dalla riforma Cartabia. Motivi tecnici e di tempi. Non messa in discussione la legge necessaria per il Pnrr, entro il 31 dicembre.

COVID. Anche misure sul Covid con l’anticipo della fine dell’obbligo dei vaccini al primo novembre per il personale sanitario e reintegro del personale medico no-vax, Resta invece l’obbligo della mascherina negli ospedali e nelle case di cura. ”Mai pensato di andare in questa direzione”, ha detto il ministro Schillaci. Quello che vogliamo ha spiegato la Meloni e’ cambiare radicalmente l’approccio su queso delicato tema ”No ad un approccio ideologico sulla pandemia” ha spiegato la Meloni. Che era visibilmente soddisfatta al termine del suo primo Consiglio dei ministri.

Altro dall'autore

Articoli più letti