Santelli

È scomparsa Jole Santelli, presidente della Regione Calabria. Aveva 51 anni ed era da tempo malata. Già parlamentare di Forza Italia e sottosegretaria in due governi Berlusconi e in quello Letta, si era candidata sfidando anche la malattia. È morta nella sua casa di Cosenza, città di cui era stata vicesindaco. Prima donna presidente della Regione Calabria, aveva vinto nel gennaio scorso le elezioni per il centrodestra con il 55,3% dei consensi. Profondamente addolorato il presidente di FI, Silvio Berlusconi: “Nessuna parola è adeguata ad esprimere il mio dolore e quello di tutti noi di Forza Italia”. “Jole lascia davvero un vuoto incolmabile nelle nostre anime. Era un’amica sincera, intelligente, leale. Una donna appassionata, una combattente tenace. Mi è stata vicina anche nei momenti più difficili. Non aveva paura di nulla, neppure della malattia e della sofferenza”.

Protagonista

Secondo l’ex premier azzurro: “Jole rappresentava la speranza del riscatto di una terra che amava appassionatamente, l’idea di un Mezzogiorno che ha in sé stesso la dignità e la forza di essere protagonista del futuro, di guardare all’Europa e al mondo”. Il leader della Lega, Matteo Salvini, su Facebook scrive: “Andarsene a soli 51 anni, dopo aver lavorato per la tua gente, con il sorriso, fino a poche ore fa. Buon viaggio cara Jole”. E Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, afferma commossa: “Ci lascia un’amica, una donna coraggiosa, un politico fiero e orgoglioso delle sue idee, che ha combattuto tutta la vita per la sua terra e per offrire una occasione di riscatto alla Calabria”. Cordoglio anche dal segretario Pd, Nicola Zingaretti: “La scomparsa di Jole Santelli ci ha colpito e addolorato. Era una donna tenace e appassionata, che ha combattuto a lungo”. Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, afferma: “Una notizia che sconvolge tutti, ci rattrista profondamente”.

(foto da profilo Facebook J. Santelli)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.