17.9 C
Roma
lunedì, 3 Ottobre 2022

Vaccino, parte somministrazione nel Regno Unito. Prima nonna Margaret

Margaret Keenan, nonna che compirà 91 anni la prossima settimana, è stata la prima a ricevere il vaccino anti-Covid nel Regno Unito. La somministrazione del Pfizer/BioNTech approvato per prime al mondo dalle autorità sanitarie britanniche à stato somministrato all’ospedale universitario di Coventry. L’anziana signora ha detto di sentirsi “privilegiata di essere la prima persona vaccinata contro COVID-19. È il miglior regalo di compleanno, perché significa che potrò finalmente passare del tempo con la mia famiglia e gli amici, dopo essere stata da sola per la maggior parte dell’anno”.

Elisabetta II

Al momento Buckingham Palace non ha commentato le indiscrezioni secondo cui la regina Elisabetta II, 94 anni, e il marito principe Filippo, di 99, si sarebbero fatti vaccinare per dare l’esempio ai concittadini. La dottoressa June Raine, amministratore delegato dell’agenzia britannica per la regolamentazione dei medicinali, ha detto alla BBC: “Il nostro obiettivo è proteggere totalmente ogni membro della popolazione, naturalmente anche Sua Maestà”. Nella prima fase, in ogni caso, verranno vaccinati soltanto appartenenti alle categorie sociali e di età a maggior rischio. Si parla di 800 mila dosi per due somministrazioni a ciascuno.

Prossimo anno

Tutti gli altri, al di là della facile propaganda del premier Boris Johnson, dovranno aspettare il prossimo anno, quando ci sarà abbastanza offerta di dosi per espandere il programma. Il Regno Unito è stato uno dei paesi più colpiti dalla pandemia, registrando oltre 61 mila morti e 1 milione e 600 mila contagi. Il paese ha ordinato 40 milioni di dosi di vaccino, sufficienti per 20 milioni di persone. Nell’Unione europea le analisi sul vaccino Pfizer/BioNTech per l’autorizzazione alla somministrazione sono ancora in corso e procedono in parallelo anche sui vaccini della statunitense Moderna e su quello realizzato dall’Università di Oxford con il produttore farmaceutico AstraZeneca.

Alessandro Cavaglià
Alessandro Cavaglià
Giornalista parlamentare, classe 1956. Già vice caporedattore AGI, responsabile pro tempore delle redazioni Politico-parlamentare, Interni-Cronaca e della Rete speciale per Medio Oriente e Africa. Ha lavorato ad AdnKronos e collaborato con La Stampa e Il Mondo. Laureato in Lettere-Storia moderna all'Università La Sapienza di Roma

Altro dall'autore

Articoli più letti