16.6 C
Roma
venerdì, 31 Marzo 2023

Tragedia di Cutro, in loco sabato 11 marzo la manifestazione per fermare le stragi in mare

Sabato 11 marzo 2023, ore 14,30 sulle spiagge della tragedia a Steccato di Cutro ci sarà la manifestazione che vuole essere un appello a tutto il mondo politico nazionale e internazionale affinché non si verifichino mai più i naufragi. Fermare la strage, subito! E’ l’appello degli organizzatori, tra cui Tavolo Asilo e Immigrazione, le Ong impegnate nel soccorso in mare, reti locali della Calabria, l’AOI e le altre organizzazioni e associazioni che si occupano da sempre di salvare i migranti che arrivano sui barconi. Tra i partecipanti anche Save the Children ha garantito la propria presenza, insieme a tutti quei cittadini che vogliono esprimere indignazione e solidarietà ai parenti delle vittime.

Save the Children

“L’Italia e l’Europa stanno concentrando i loro sforzi sull’obiettivo di proteggere i confini e impedire le partenze, come se ogni volta quello che succede fosse un drammatico incidente, invece di mettere in campo un sistema di ricerca e soccorso delle persone in difficoltà in mare coordinato e strutturato e di predisporre vie di accesso legali e sicure per chi cerca una possibilità di salvezza e futuro. Saremo presenti sabato a Cutro per testimoniare il nostro impegno insieme a tante altre organizzazioni e cittadini al fianco di persone che hanno perso figli, padri, madri, fratelli e sorelle. Perché queste morti smettano di essere soltanto numeri e ci sia un’azione reale e concreta per evitarle.” Ha dichiarato Antonella Inverno, Responsabile Politiche per l’Infanzia e l’Adolescenza di Save the Children Italia, che sarà presente sabato prossimo alla manifestazione di Cutro.

Appello

Il dolore e l’appello dei sopravvissuti e dei familiari delle vittime della tragedia di Cutro devono trovare risposta in una concreta assunzione di responsabilità da parte del Governo Italiano e dell’Europa perché questi disumani avvenimenti non accadano più. I bambini e le loro famiglie che cercano di fuggire da guerre, violenze e povertà estrema nei paesi di crisi e di transito, continuano ad essere costretti a consegnarsi nelle mani dei trafficanti rischiando la morte. La maggior parte di loro partono perché non hanno scelta. Come dimostrano le oltre 8mila persone che hanno perso la vita o sono rimaste disperse sulle rotte del Mediterraneo verso l’Europa, solo dal 2019 a oggi.

Sicurezza

La linea restrittiva adottata dall’Ue e dagli stati membri rispetto ai flussi migratori e al loro ingresso in Europa espone uomini, donne e bambini al continuo rischio di perdere la vita solo perché cercano protezione o un futuro. Come è purtroppo successo di fronte alle coste italiane, a Cutro, e come già avvenuto in tante altre spiagge del dolore. La manifestazione di Cutro è il primo importante appuntamento nazionale di un percorso di iniziative e mobilitazioni che le reti intendono organizzare (si legge sul sito di ACLI – Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani). La drammatica assenza di canali sicuri e legali di accesso al territorio europeo obbliga chi fugge da guerre, persecuzioni e povertà a rischiare la vita. L’obiettivo di organizzazioni e associazioni è sollecitare un’inversione di rotta delle politiche migratorie in Italia e nell’Unione europea e di trovare finalmente un intento comune che possa garantire ai migranti l’accoglienza. Sia che essi arrivino via terra o via mare.

Oriana Mariotti
Oriana Mariotti
Giornalista pubblicista dal 1997. Esperta di comunicazione a 360° ha partecipato alla nascita di Virgilio.it (Matrix), ex manager Gruppo Fiat e Gruppo L’Espresso. Laureata in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Roma LUMSA.

Altro dall'autore

Articoli più letti