back to top
22.4 C
Roma
lunedì, 27 Maggio 2024

Casa: resta un valore importante per gli italiani. Baccarini (Fiaip), settore edilizio e immobiliare vero motore dell’economia nazionale

La casa resta un valore importante per gli italiani. Nonostante le misure anti-inflazione decise dalla BCE con l’avvio di un percorso di rialzo dei tassi di interesse nella zona euro, “le famiglie italiane continuano a canalizzare i loro risparmi nell’acquisto della proprietà immobiliare”. Lo rileva il presidente della Federazione Italiana Agenti Immobilari Professionali (Fiaip), Gian Battista Baccarini, che aggiunge: “Il mercato immobiliare risponde benissimo e si conferma il comparto con il più elevato coefficiente di attivazione della vita economica, sociale e occupazionale del sistema Paese”.

Mercato

In questa fase complessa di mercato “diventa ancora più strategico affidarsi ad un agente immobiliare professionale per una congrua valutazione”, incalza Baccarini. E in parallelo: “Devono essere messe in atto politiche governative attive, che vadano a incentivare e salvaguardare l’investimento immobiliare”. Il 2022, ha rimarcato il presidente Fiaip, intervistato dal magazine televisivo “Italpress Economy”, “si dovrebbe chiudere con circa 775 mila compravendite residenziali. Un +3,5% rispetto al 2021, un anno molto positivo, perché le compravendite si erano chiuse con un +34% rispetto al 2020. Per il 2023 siamo realisticamente ottimisti, nonostante ci siano stati rialzo dei tassi di interesse, inflazione a doppia cifra e rincari energetici”.

Green

Per Baccarini “i dati testimoniano come il settore edilizio e immobiliare sia il vero motore dell’economia nazionale ed europea”. Va perciò “salvaguardato e incentivato con politiche che non spaventino e creino timore”. In questo contesto si inseriscono le decisioni a livello UE per rendere green il patrimonio immobiliare. La finalità dell’efficientamento energetico, rimarca Baccarini, è “giusta, ma è sbagliata la modalità. Tutti desideriamo avere una casa meno energivora, più bella, più digitalizzata, che impatti meno sull’ambiente”. Tuttavia, trasformare questa aspirazione in una imposizione serve soltanto a rendere le cose più difficili.

Approccio

Occorrerebbe, al contrario, un approccio “di accompagnamento e di supporto”. Un tipo di percorso che potrebbe essere valido anche per il Superbonus. Fiaip, dopo la sua repentina eliminazione, avanza due proposte correttive: “Mantenere l’incentivo fiscale con lo sconto in fattura per alcune tipologie di lavoro, come involucro e termocappotto. Abbassarne la soglia e associare l’incentivo fiscale a un obiettivo di risparmio energetico reale”.

Alessandro Cavaglià
Alessandro Cavaglià
Giornalista parlamentare, classe 1956. Già vice caporedattore AGI, responsabile pro tempore delle redazioni Politico-parlamentare, Interni-Cronaca e della Rete speciale per Medio Oriente e Africa. Ha lavorato ad AdnKronos e collaborato con La Stampa e Il Mondo. Laureato in Lettere-Storia moderna all'Università La Sapienza di Roma

Altro dall'autore

Articoli più letti