33 C
Roma
domenica, 3 Luglio 2022

E-commerce, caccia al ‘tesoro’ di Metaverso. Un mercato rivoluzionario da miliardi di dollari

La rivoluzione Metaverso è partita e le traversie borsistiche di Mark Zuckerberg non sembrano destinate a fermarla. L’e-commerce, per come lo intendiamo oggi, diventerà presto “vecchio” e superato. L’avvento di un nuovo universo virtuale in 3D mette in rete nuove opportunità sia per gli imprenditori sia per gli acquirenti. In ballo c’è un tesoro che, secondo le previsioni, nel 2028 raggiungerà gli 828,95 miliardi di dollari. Secondo la società Emergen Research la dimensione del mercato globale del metaverso è stata di 47,69 miliardi di dollari nel 2020 e dovrebbe registrare un tasso di crescita annuo delle entrate del 43,3% durante il periodo di previsione 2021-2028.

Immersivo

“Il Metaverso è un mondo pieno di risorse che mette sullo stesso livello la tecnologia immersiva, i social media e le vendite online”, spiega Emanuele Maragno, esperto di e-commerce, co-fondatore con Daniel Bidmon di Ecom House, agenzia di marketing digitale. “Nel Metaverso – spiega Maragno – sarà possibile entrare in un mondo 3D, invece di limitarsi a osservare uno schermo piatto. Le persone si potranno incontrare, lavorare oppure divertirsi utilizzando dei visori per realtà virtuale e degli occhiali per realtà aumentata. È una combinazione di più elementi tra cui la realtà virtuale, la realtà aumentata, blockchain, criptovalute e social commerce. Sarà una vera e propria fusione a 360 gradi del mondo fisico e digitale”.

Avatar

Nei prossimi anni assisteremo alla nascita di negozi digitali integrati e dinamici, che uniranno le parti migliori dell’online e dell’offline. In somma, “lo shopping virtuale trasformerà l’e-commerce da cataloghi di prodotti statici, in esperienze in tempo reale”. È “un primo passo per colmare il divario tra l’immersività della vendita al dettaglio fisica e la facilità e la comodità dello shopping online”. Maragno sottolinea: “Sul Metaverso avremo un nostro personaggio parallelo (Avatar) che ci rappresenterà. Che potrà comunicare, vivere, interagire, lavorare, comprare e socializzare con qualunque persona del mondo, in qualsiasi momento. Sarà possibile avere uffici virtuali, case virtuali, negozi virtuali, oggetti virtuali. Vivremo in una nuova economia digitale con tutto quello che ad oggi possiamo fare e toccare solo fisicamente”.

Malloppo

Ogni decennio circa arriva qualcosa di nuovo che trasforma l’industria del marketing, della comunicazione e del business. Siamo passati dalla radio alla televisione, dalla tv all’era di Internet e ora al Metaverso. Chi ne saprà intuire per primo le potenzialità, potrà mettere le mani su questo impressionante “malloppo” commerciale. “Il vantaggio della prima mossa – conclude Maragno – ripaga sempre le aziende che comprendono e utilizzano i cambiamenti culturali, tecnologici ed economici. Chi prima arriva, meglio alloggia”.

Alessandro Cavaglià
Alessandro Cavaglià
Giornalista parlamentare, classe 1956. Già vice caporedattore AGI, responsabile pro tempore delle redazioni Politico-parlamentare, Interni-Cronaca e della Rete speciale per Medio Oriente e Africa. Ha lavorato ad AdnKronos e collaborato con La Stampa e Il Mondo. Laureato in Lettere-Storia moderna all'Università La Sapienza di Roma

Altro dall'autore

Articoli più letti